Homeinterviste-recensionirecensioniANNEKE VAN GIERSBERGEN - Recensione "The Darkest Skies Are The Brightest"

Articoli Correlati

ANNEKE VAN GIERSBERGEN – Recensione “The Darkest Skies Are The Brightest”

dimostra ancora una volta la sua versatilità e il non voler essere catalogata all’interno di alcun genere. Un album intimo

ANNEKE VAN GIERSBERGEN

The Darkest Skies Are The Brightest

Inside Out Music

Release Date: 26 Febbraio 2021

Anneke Van Giersbergen torna con un nuovo album solista, il ventitreesimo della sua carriera artistica ed il primo acustico. “The Darkest Skies Are Brighter” arriva dopo un periodo un po’ buio della cantante, che però è riuscita a superare mettendo nei testi e nelle musiche tutto il dolore ed il malessere vissuto, lottando. Non a caso il titolo si riferisce all’idea che, di fronte a sfide personali, si è costretti a trovare risposte alle più grandi domande della vita ed affrontarle, perché nulla si sistema se non si agisce in qualche modo per porvi rimedio.

In apertura l’angelica “Agape” avvolge l’ascoltatore con tutta la sua purezza. Un brano delicato nel quale l’angelica voce della cantante incanta ed ipnotizza, accompagnata dalla semplicità della chitarra acustica e dalle maestose note di un quartetto d’archi che rendono il tutto quasi celestiale. “Agape si riferisce alla più alta forma di amore incondizionato, il tipo di amore che tutti aneliamo”, così dice del brano Anneke.

“Hurricane” è più cupa, gotica, con atmosfere southern coadiuvate anche da tamburelli e fiati. L’incalzare del ritmo, il suo martellare non fa che rimandare all’ascoltatore l’idea di una e vera e propria tempesta che, nonostante tutto, spinge ad avanzare contro ogni avversità. “My Promise” fa quasi ad un sensuale tango argentino, anche grazie alle orchestrazioni di archi. La passione, la rabbia, la tristezza e la dolcezza, un perfetto intrecciarsi di emozioni contrastanti tra loro. La cantante dice a proposito del brano: “Ho scritto questo brano pensando al significato della vita dopo un divorzio. I testi parlano della determinazione nel combattere per ciò che si ama”.

“I Saw A Car” è una vera perla all’intero dell’album, un brano insolito e molto catchy che sicuramente colpisce per la sua particolarità. Il filo conduttore di questa canzone è l’incalzante riff di chitarra, accompagnato dalle percussioni, che fa sembrare il brano molto semplice ma che in realtà lo rende molto complesso soprattutto nel ritornello, dove ancora una volta la sirenica voce di Anneke avvolge l’ascoltatore e lo trasporta lontano. “Survive” riporta con la mente alle atmosfere del flamenco, una ritmica ancora una volta incalzante in cui le chitarre sono protagoniste assolute, ma che non coprono mai la potenza e versatilità della voce della cantante che per l’intera durata dell’album non smette di sorprendere nemmeno un attimo.

In conclusione la dolce “Love You Like I Love You”, una positiva e motivante canzone d’amore che parla della bellezza di aprirsi con la persona amata e crescere insieme ad essa. La semplicità di questo pezzo e la sua dolcezza accarezzano l’ascoltatore, lasciandogli una sensazione di calore e tenerezza.

Anneke Van Giersbergen con “The Darkest Skies Are The Brightest” riesce a trasmettere la vasta gamma di emozioni di un periodo buio e di un lento recupero per tornare alla luce e dimostra ancora una volta la sua versatilità e il non voler essere catalogata all’interno di alcun genere. Un album intimo, che arriva dritto al cuore in molti modi diversi e sotto diverse forme e nel quale la cantante mette a nudo la sua anima profondamente.

Tracklist:

01. Agape

02. Hurricane

03. My Promise

04. I Saw A Car

05. The Soul Knows

06. The End

07. Keep It Simple

08. Lo And Behold

09. Losing You

10. Survive

11. Love You Like I Love You

Line-Up:

Anneke Van Giersbergen – Vocals, Acoustic Guitar

Link Utili:

annekevangiersbergen.com

facebook.com/annekevangiersbergenofficial

instagram.com/annekeannique

twitter.com/AnnekeAnnique

youtube.com/user/AguaDeAnniqueMusic

Ultimi Articoli

Articoli Correlati