HomenewsDiamond Head: tre date in Italia nel 2022

Articoli Correlati

Diamond Head: tre date in Italia nel 2022

I britannici Diamond Head tornano finalmente in Italia per una serie di concerti a marchio Good Music. Sono tre infatti le date che vedranno i cinque rockers salire sul palco a Maggio 2022.

13 Maggio 2022: The Factory, S. Martino Buon Albergo – (VR)
14 Maggio 2022: Traffic Live – Roma
15 Maggio 2022: Slaughter Club – Paderno Dugnano (MI)

I Diamond Head sono senza dubbio il fenomeno musicale più eclatante mai esistito. Nessun altro nella storia del rock è riuscito infatti ad essere così influente con una produzione tanto esigua.

Il gruppo britannico fondato nel 1976 dal chitarrista Brian Tatler e dal batterista Duncan Scott nasce a Stourbridge. Sono considerati uno dei gruppi di punta della New Wave of British Heavy Metal ma sono conosciuti soprattutto per aver ispirato gruppi come Metallica e Megadeth.

L’immensa popolarità dei Metallica infatti è stata poi per i Diamond Head una vera e propria manna dal cielo. Nel 1998 i re del metal inserirono nel loro album di cover Garage Inc. ben 3 brani dei Diamond Head, che peraltro sia dal vivo sia in singoli eseguivano da tempo immemorabile.

Il successo del primo album porta la band a firmare il primo contratto con la MCA Records nel 1981, per la quale pubblicano l’EP Four Cuts, contenente classici come Call Me e Dead Reckoning.

Nel 1982 la band si esibisce al Reading Festival, esibizione registrata dalla BBC e pubblicata dieci anno dopo con il nome Friday Rock Shock Session. Il primo album per la nuova etichetta è Borrowed Time, che raggiunge la 24ª posizione della classifica inglese e permette alla band di imbarcarsi in un tour nelle arene inglesi.

Anni di grandi successi e palchi importanti che vedono la band subire anche delle crisi interne e scioglersi all’apice della propria carriera. Band come questa non sono destinate a morire per sempre, pertanto dopo una reunion dei primi anni ’90, la band pubblica un nuovo EP e sembra tornare sulla cresta dell’onda.

Ma i problemi di salute di Tatler ed altre pressioni esterne fanno sì che la band si sciolga di nuovo. Stavolta passano ben sei anni prima di riprendere in mano il progetto e comporre nuovi pezzi.

Il 13 ottobre 2014 il gruppo annuncia l’uscita di Nick Tart attraverso la propria pagina Facebook. Al suo posto scelgono il cantante danese Rasmus Bom Andersen, con il quale i Diamond Head intraprendono un tour europeo, apparendo all’Hard Rock Hell e all’Headbangers Open Air in Germania.

Nel gennaio 2016 il gruppo annuncia così il settimo album in studio, intitolato semplicemente Diamond Head. Discussi, chiacchierati, giudicati e condannati come si addice alle vere icone del Rock. Quella dei Diamond Head è una storia che vale la pena essere vissuta sul palco! Potremo farlo a maggio in Italia con ben tre concerti imperdibili:

Ultimi Articoli

Articoli Correlati