Homeinterviste-recensionirecensioniANDREA VAN CLEEF e DIEGO POTRON - Recensione "Safari Station"

Articoli Correlati

ANDREA VAN CLEEF e DIEGO POTRON – Recensione “Safari Station”

una serie di atmosfere molto diverse tra loro, ma perfettamente intrecciate TRA BLUES E FOLK. un vero viaggio nelle emozioni..

ANDREA VAN CLEEF E DIEGO POTRON
Safari Station
Rivertale Production

Release Date: 9 Luglio 2021

“Safari Station” è il debutto discografico del duo Andrea Van Cleef e Diego Potron, un progetto musicale di grande impatto che è una sorta di split contenente brani scritti da uno e brani scritti dall’altro artista, ed anche brani scritti in collaborazione, per un viaggio nelle emozioni assicurato.

In apertura “Rise Above All Gods” è il singolo estratto per la presentazione dell’album. Un brano che fa da subito capire l’affiatamento tra i due artisti, il loro perfetto amalgamarsi insieme e inserire ognuno parte della sua anima in un’esplosione di blues cupa e oscura.

Una canzone il cui testo è una sorta di “ribellione” liberatoria nei confronti di ogni Dio, nei confronti di tutte le preghiere mai ascoltate e della quale Diego Potron dice: «Come molti altri miei brani scritti in passato, avevo in mente qualcosa che ricalcasse i toni apocalittici e tetri di un gospel tradizionale da Antico Testamento ma che, invece di rivolgersi alla potenza del Signore per debellare la piaga del caso, facesse riferimento proprio all’inutilità del farlo. Il messaggio è che in un mondo apparentemente paradisiaco ma che si è dimostrato profondamente imperfetto, è necessario trovare l’aiuto di cui abbiamo bisogno in noi stessi».

“Mozuela” è un brano che sembra quasi arrivare da un’altra epoca, una piccola perla all’interno dell’album. Una canzone delicata che con il suo caldo cantato, che ricorda fumosi locali anni ’50, avvolge l’ascoltatore e lo trasporta in un modo a tratti psichedelico e carico di emozioni.

“In Zaire” è una cover del famosissimo brano disco-rock di Johnny Wakelin, rivisitata dal duo in chiave più folk con una struttura ritmica afro che rende il brano molto particolare e curioso, senza snaturare la versione originale ma reinterpretandola in modo eccentrico. “500 Miles Away” racchiude in sé tanta dolcezza e malinconia, una ballad di sole voci e chitarre acustiche che ricordano quasi un surf blues e che fanno volare l’ascoltatore con la mente. La dolcezza della voce di Diego Potron fa emozionare e la bellezza delle melodie delle chitarre esalta al massimo la purezza di questa canzone, che sicuramente colpirà gli ascoltatori.

In conclusione la titletrack “Safari Station (A Nice Place To Be)”, con un testo molto emotivo ed emozionante, riporta i toni cupi e desert rock, accentuati anche dalla voce roca e profonda di Andrea Van Cleef. Un misto di rabbia struggente, tristezza e nostalgia in un brano che tocca tutte le corde del cuore e arriva diretto e prepotente all’anima.

Il nuovo progetto musicale composto dal duo Andrea Van Cleef e Diego Potron porta con “Safari Station” una serie di atmosfere molto diverse tra loro ma perfettamente intrecciate in un album pieno di sfaccettature sempre nuove ad ogni ascolto.

Le identità dei due musicisti spiccano nei diversi brani riuscendo comunque ad amalgamarsi e influenzandosi a vicenda, creando qualcosa di nuovo e molto accattivante.

Tracklist:

1. Rise Above All Gods
2. You Can’t Hide Your Love Away
3. Gang Of Boyz
4. Mozuela
5. In Zaire
6. Spiderweb Blues
7. Kay Zanset
8. You and I Were Born For Better Things
9. 500 Miles Away
10. Safari Station (A Nice Place To Be)

Line-Up:
Andrea Van Cleef – Vocals, Guitar, Keyboards
Diego Potron – Vocals, Guitar, Bass
Don Antonio Gramentieri – Guitars, Bass
Nicola Peruch – Keyboards
Piero Perelli – Drums

Link Utili:
www.facebook.com/avcrocks
www.instagram.com/andreavancleef
www.facebook.com/diegodeadmanpotronsoloacoustic
www.instagram.com/diegodeadmanpotron

I due polistrumentisti saranno  dal vivo mercoledì 21 luglio a Parco Tittoni di Desio (MB) per presentare l’album d’esordio.

Ultimi Articoli

Articoli Correlati