Homeinterviste-recensionirecensioniANETTE OLZON - Recensione "Strong"

Articoli Correlati

ANETTE OLZON – Recensione “Strong”

Un album che è un perfetto connubio tra heavy e melodic e che racchiude in sé mille sfaccettature che si possono percepire meglio ad ogni singolo ascolto..

ANETTE OLZON

Strong

Frontiers Music s.r.l.

Release Date: 10 Settembre 2021

Anette Olzon torna con il secondo album solista “Strong”. A differenza del debut solo album (‘Shine’ – 2014), il nuovo lavoro è più duro e pesante ma si mantiene sempre abbastanza melodico e soprattutto rivendica la formidabile performance ed escursione vocale di Anette, affiancata dagli incendiari riff di Magnus Karlsson. La cantante ha dichiarato: “Musicalmente, volevo un album molto più pesante, ma con melodie forti e mi sono ispirata a gruppi che mi piacciono come Dimmu Borgir e In Flames”.

“Bye Bye Bye” richiama a tratti le atmosfere create dai Nightwish, ma si presenta molto più rude e potente. Sin da subito Anette non si risparmia e offre prova della sua incredibile vocalità, che accompagnerà l’ascoltatore per tutto l’album. Il growl di Johan Husgafvel aggiunge quel tocco di ferocia che fa di questo brano un opener degna di nota. “Sick Of You” potrà sicuramente diventare uno di quei brani che fanno acclamare la platea ad un live, un pezzo che racchiude in sé melodie catchy, potenti ed un tocco di dark pop che rende il brano accattivante. Uno di quei pezzi che ci si ritrova a cantare, che restano in testa per la loro semplicità, ma che di semplice ha ben poco.

“Parasite” colpisce sin da subito con la sua energica potenza. Batterie martellanti con bpm ad altissima velocità, melodie quasi ipnotiche e cori avvolgenti che incorniciano perfettamente la voce di Anette in un crescendo di epicità. Forse il brano più cattivo e brutale all’interno del brano. “Sad Lullaby” cambia un po’ i toni, un pezzo molto più drammatico e cinematico in cui l’ascoltatore può ammirare la grandiosa escursione vocale da mezzosoprano della cantante che si abbassa e si eleva con rabbia nel ritornello, trasmettendo tutta la malinconia struggente del brano. Sicuramente una chicca degna di nota all’interno dell’album.

Con “Roll The Dice” si tocca il picco dell’epicità dell’intero album. Un brano che non può che essere la degna e teatrale conclusione di questo nuovo lavoro. Un pezzo intenso che racchiude in sé tante emozioni diverse, angoscioso ma al contempo rapsodico e che ancora una volta dimostra le grandi capacità vocali di Anette Olzon lasciando gli ascoltatori incantati.

Con “Strong”, Anette Olzon dimostra la sua capacità e voglia di sperimentazione. Un album che è un perfetto connubio tra heavy e melodic e che racchiude in sé mille sfaccettature che si possono percepire meglio ad ogni singolo ascolto. Con questo nuovo lavoro la cantante non solo riconferma la sua escursione e potenza vocale, ma dimostra anche il suo coraggio e l’audacia nel volersi spingere sempre oltre e osare senza paura.

Tracklist:

01. Bye Bye Bye

02. Sick Of You

03. I Need To Stay

04. Strong

05. Parasite

06. Sad Lullaby

07. Fantastic Fanatic

08. Who Can Save Them

09. Catcher Of My Dreams

10. Hear Them Roar

11. Roll The Dice

Line-Up:

Anette Olzon – Vocals

Johan Husgafvel – Growling Vocals

Magnus Karlsson – Guitars, Bass

Anders Köllerfors – Drums

Link Utili:

facebook.com/anetteolzonofficial

instagram.com/anetteolzon_official

twitter.com/anetteolzon

Ultimi Articoli

Articoli Correlati