Homeinterviste-recensionirecensioniJeff Scott Soto - Recensione "The Duets Collection – Volume 1"

Articoli Correlati

Jeff Scott Soto – Recensione “The Duets Collection – Volume 1”

“The Duets Collection Volume 1” (sperando ne seguano altri) è un album dall’alto coefficiente qualitativo ed emotivo

Jeff Scott Soto

The Duets Collection – Volume 1

Frontiers Music srl

Release date: 8 Ottobre 2021

Torna alla ribalta il grandissimo Jeff Scott Soto con un album che farà certamente la felicità dei suoi numerosi fan. Sfruttando il tempo di sosta forzata dei live act decretata dalla pandemia, l’istrionico cantante americano ha deciso di ri-registrare un lotto di canzoni che abbracciano la sua intera carriera. Questo sorta di greatest hits però non si limita a riproporre le canzoni nella loro veste originale, ma ad ogni singolo pezzo Jeff è affiancato da un altro strepitoso singer. La band che lo accompagna è composta quasi interamente dai membri del suo progetto S.O.T.O. (Edu Cominato, Jorge Salan e Tony Dickinson) più i fidati Howie Simon e Leo Mancini.

“The Duets Collection” vince facile, in quanto le canzoni sono già stupende in partenza, ma la nuova registrazione e il contributo dei portentosi cantanti lo rendono un autentico must da avere a tutti i costi. Si comincia con “Livin’ The Life” dalla colonna sonora del film Rock Star ed è subito magia. “Don’t Let End” tratta da quel capolavoro che è “Marching Out” ci delizia con uno Dino Jelusick incredibile. Non da meno “Mysterious” (Talisman) con un grande Eric Martin e la bellissima “Believe In Me” (da “Lost In The Translation”) resa esaltante da un Nathan James (Inglorious) sugli scudi.

C’è spazio anche per le ultime produzioni (vedi Sons Of Apollo) con una “Coming Home” perfetta per essere cantata con Deen Castronovo, prima di tornare al glorioso passato. “I’ll Be Waiting” (dal primo album dei Talisman) con Alirio Netto (Shaman), forse il meno noto dei nomi altisonanti presenti (comunque bravissimo) ma soprattutto la chicca rappresentata da “Callin’ All Girls” dal primo e mai dimenticato album degli Eyes. Qui il duetto tra Soto e Russel Allen è pura poesia.

Un’accoppiata brasiliana rende onore a “Holding On” con BJ (Spektra, Tempestt) emozionante e Renan Zonta (Electric Mob) perfettamente a suo agio nei ritmi funk di “Color My XTC”. Dal periodo Axel Rudi Pell viene scelta la mitica “Warrior” e chi se non Johnny Gioeli poteva dividersi le vocals con Jeff. Magistrale! L’ultima ciliegina sulla torta è “Again 2 B Found”, tratta dal progetto Humanimal del 2002 e impreziosita da una sontuosa prova di Mats Leven (Swedish Erotica, Candlemass, Treat, etc.)

“The Duets Collection Volume 1” (sperando ne seguano altri) è un album dall’alto coefficiente qualitativo ed emotivo. Se le canzoni in esso contenute vi piacevano già, non potrete che esaltarvi nel riascoltarle in questa nuova veste. Jeff Scott Soto aggiunge alla sua straordinaria discografia ancora un grande lavoro, ma per chi lo conosce non è una novità.

Tracklist:
1. Livin’ The Life (ROCK STAR) with Erik Mårtensson (Eclipse/W.E.T.)
2. Don’t Let It End (YNGWIE MALMSTEEN) – with Dino Jelusick 
3. Mysterious (TALISMAN) – with Eric Martin (Mr. Big)
4. Believe in Me (JSS) – with Nathan James (Inglorious)
5. Coming Home (SOUL SIRKUS) – with Deen Castronovo (Revolution Saints, ex-Journey)
6. I’ll Be Waiting (TALISMAN) – with Alirio Netto (Shaman, Queen Extravaganza)
7. Callin’ All Girls (EYES) – with Russell Allen (Symphony X, Allen/Lande)
8. Colour My XTC (TALISMAN) – with Renan Zonta (Electric Mob)
9. Warrior (AXEL RUDI PELL) – with Johnny Gioeli (Hardline, Axel Rudi Pell)
10. Holding On (JSS) – with BJ (SOTO, Spektra)
11. Again 2 B Found (HUMANIMAL) – with Mats Leven (Candlemass, Trans-Siberian Orchestra)

Line Up:

Jeff Scott Soto – Vocals, Bass and Keys
Edu Cominato – Drums
Tony Dickinson – Bass
Jorge Salan – Guitars
Howie Simon – Guitars and Bass
Leo Mancini – Guitars

Link Utili:

www.facebook.com/JeffScottSoto 
www.instagram.com/jeffscottsotoofficial
sotoworld.net

Ultimi Articoli

Articoli Correlati