CONDIVIDI

10 Giorni Suonati Festival

BRIAN SETZER’S ROCKABILLY RIOT feat. Slim Jim Phantom

The Rock’n’Roll Kamikazes – Adels –

The Dragons – I Ragazzi del Giubocs

Castello Sforzesco Vigevano (Pv)- 2 luglio 2011

a cura di Luca Casella

Appuntamento tutto dedicato alla musica Rockabilly e Rock’n’Roll quello di sabato 2 Luglio per uno dei concerti della rassegna “10 Giorni Suonati” , organizzati da Barley Arts, nella splendida cornice del Castello Sforzesco di Vigevano. Ottima scelta per un “festival” che elenca nomi davvero importanti e di assoluta qualità musicale. Sabato è stata la volta del nuovo progetto di Brian Setzer ex leader del gruppo famoso nel periodo “revival Rockabilly” tra la fine degli anni settanta e metà anni ottanta, gli Stray Cats. Fortunatamente la serata si presenta fresca rispetto all’ afa patita solo il giorno prima e ciò rende la nostra permanenza, fin dal primo pomeriggio, più piacevole. Il nuovo progetto del nostro biondo amico sopra indicato ha il nome di BRIAN SETZER’S ROCKABILLY RIOT e tra i componenti della band c’è anche un suo vecchio compagno d’avventura di nome Slim Jim Phantom , ex batterista degli Stray Cats. Poche presenze, come previsto, sotto il palco quando la prima delle cinque bands in scaletta comincia a suonare , sono di Pescara I ragazzi del Giubocs che più che altro eseguono classici Italiani in versione rock’n’roll. A seguire I Dragons da Milano suonano un buon rockabilly, di ispirazione moderna e finalmente sento Sam il cantante/chitarrista scambiare qualche parola in più del solito con il pubblico!

Intanto l’affluenza cresce e sembra che la “vecchia guardia” rockabilly Italiana si sia data appuntamento per l’occasione. Tante facce conosciute che si rivedono ad ogni evento importante e che non hanno mai abbandonato la passione per il Rock’n’Roll, vedo vecchie t-shirt degli Stray Cats, lise, consumate, ma conservate come cimeli da vestire quando necessario come in questa serata.

La terza band è originaria della Sicilia e devo dire che sono una bella sorpresa, ci convincono questi Adels davvero bravi. Rockabilly classico, nulla di innovativo, ma suonato molto bene.

La sera è calata e le luci sul palco si accendono per i Rock’n’Roll Kamikazes, nuovo progetto di Andy Macfarlane l’ ex cantante degli Hormonauts, sono apprezzati ed applauditi, ma comunque tutti sono qui per vedere in azione Brian e la sua nuova formazione.

Ore 22,35 si parte entrano in scena i Rockabilly Riot con a capo lui.. BRIAN SETZER. Per me, uno dei dieci migliori chitarristi viventi. Lo show è diviso in due parti; la prima dedicata ai nuovi pezzi inclusi nel recente CD, bene.. ci piacciono, anche la buona cover di Cash “Folsom Prison Blues”. Seconda parte con alle pelli l’amico Slim Jim Phantom ed un giovane contrabbassista, dedicata ai pezzi storici che hanno reso famosi gli Stray Cats, è questo che aspettavamo ed è questo che ci ha emozionati, tuffo nel passato per molti dei presenti. Un acarrellata di canzoni: “Sexy’n’17”, “Runaway Boys” ( personalmente il primo 45 comprato degli SC N.d.A. ) , “Stray Cat Strut”, Fishnet Stocking” e “Rumble in Brighton” vengono cantate in coro da molti dei presente, me compreso. Brian è visibilmente invecchiato, dimagrito, dall’ultima apparizione in Italia nel 2008 al “Summer Jamboree” in occasione del tour d’addio per gli Stray Cats ma alle sei corde è ancora da invidia. Il tempo scorre veloce tra un pezzo e l’altro ed un siparietto con tutti i musicisti sul palco con ben tre contrabbassi e due batterie. Il bis necessario è “Rock This Town” il loro singolo di maggior successo. Ore 24,00, uniti in una sola fila la band si inchina al pubblico e saluta. Grazie per le emozioni regalateci nel sentire alcune delle canzoni che hanno fatto da colonna sonora della nostra (mia e di buona parte, vista l’età media, della platea) adolescenza. Un plauso a Barley Arts per la scelta della location e per l’ospitalità. Non sento nessuna critica, tutti contenti e sfiniti ci avviamo alla vettura.

Pubblicato il 3 luglio 2011