NICKELBACK

Feed The Machine

BMG

Release date: 16 giugno 2017

 

Ben tre anni sono passati dalla pubblicazione dell’ottavo lavoro da studio “No Fixed Address”, tanto basta per tornare ad accogliere a orecchie aperte i benamati Nickelback col nuovo e avvincente “Feed The Machine”.

E non poteva esserci uscita migliore per questo inizio d’estate, perché se è vero che il percorso di avvalersi di un sound più moderno prosegue con coerente professionalità, lo è altrettanto il fatto che per l’album in questione la band ha mantenuto la promessa di dare nuova linfa alle origini; possiamo quindi accertare che Chad, Ryan. Mike e Daniel hanno “alimentato la macchina” con sonorità variegate, pronte a refrigerare sia i fan più longevi che gli appassionati di recente conquista.

 

La tracklist viaggia a undici tracce che alternano il più classico e ruvido post-grunge a qualche sterzata modern rock, passando attraverso momenti ballad ben distinti tra loro e qualche leggera linea pop; viene piacevolmente spontaneo aggiungere ‘di tutto, di più’.

 

I brani dove si denota un aggressivo e tonante grunge sono la title-track (in veste anche di singolo completato da un video quanto più appropriato), “Coin For The Ferrymen” “For The River”, per un risultato che evidenzia un’assoluta adrenalina allo stato puro, o meglio ancora, un’autentica potenza allo stato Nickelback. “Must Be Nice” oscilla tra modern rock e piccole tinte pop, mentre “Silent Majority” abbraccia quelle sonorità catchy figlie anch’esse delle origini.

Il quartetto canadese si supera in modo esemplare nelle due tracce “The Betrayal (Act III)” e “The Betrayal (Act I)”: la prima bissa il modern sound con echi di rigenerante energia, la seconda è una corposa e appassionante opera d’arte strumentale; la speciale caratteristica di entrambe è un sorprendente richiamo medievale, a ennesima conferma delle geniali qualità che dal 1995 contraddistinguono il combo di Alberta.

 

Anche le ballad fanno parte di una raffinata e originale peculiarità della band: la delicatezza a cuore aperto di “Song On Fire” (secondo singolo costellato da un video amabile e simbolico), la coinvolgente e anthemica “After The Rain”, l’atmosferica “Home” e lo spensierato pop di “Everytime We’re Together” completano un masterpiece che può essere celebrato di diritto in pompa magna.

 

In conclusione ricordiamo che l’album è stato prodotto da Chris Baseford (Slash e Shinedown), e riteniamo altresì doveroso fare menzione del tour americano che i Nickelback stanno per cominciare: si chiamerà “Feed The Machine Tour” e partirà il 23 del mese corrente da Noblesville (Indiana), toccando 44 città in tutto il Nord America tra le quali Detroit, Los Angeles e Chicago; va poi aggiunto che ogni opening act sarà targato Daughtry e Shaman’s Harvest, benché in proposito le belle novità non finiscono qui, infatti in apertura ai concerti Canadesi del tour che partirà a settembre si uniranno anche i gloriosi Cheap Trick; non ci resta che augurare a tutti una goduria musicale a Suon di Show.

 

 

Tracklist

Feed The Machine

Coin For The Ferryman

Song On Fire

Must Be Nice

After The Rain

For The River

Home

The Betrayal (Act III)

Silent Majority

Everytime We’re Together

The Betrayal (Act I)

 

Line up

Chad Kroeger – lead vocals, guitars

Ryan Peake – guitars, keyboards, backing vocals

Mike Kroeger . bass guitar

Daniel Adair – drums, backing vocals

 

Link

www.nickelback.com

www.facebook.com/Nickelback

www.instagram.com/nickelback

twitter.com/nickelback

Facebook Comments