Parlare con un musicista preparato e disponibile come Derek Sherinian è sempre un grandissimo piacere. Quello che andrete a leggere è un buon resoconto di quello che dobbiamo aspettarci dalla sua nuova super band, i Sons Of Apollo. Peccato che le interferenze nella chiamata telefonica abbiamo ridotto in modo sensibile il tempo a nostra disposizione ma state sicuri che i punti salienti sono stati esaminati tutti. Buona lettura e ascoltate “Psychotic Symphony”.

 

Trascrizione e traduzione: Daniela Patanè

English version below

 

 

Ciao Derek, grazie per quest’ intervista e per il tempo che ci stai dedicando! Iniziamo parlando del progetto Sons Of Apollo, com’è nato?

I Sons of Apollo sono una band, non un progetto. Abbiamo realizzato un album strepitoso e vogliamo portare la band in tour in tutto il mondo. Abbiamo una serie di canzoni molto potenti che non vediamo l’ora di suonare dal vivo per il nostro pubblico. Siamo una vera e propria band, sotto ogni aspetto.

 

Come avete scelto il nome per la band ? Ci sembra di fatto molto appropriato, poiché Apollo non era soltanto il dio del sole, ma anche della musica, dell’arte e della poesia.

È vero! Abbiamo pensato che questa band comprende molti grandi artisti, per cui avevamo bisogno di una figura importante che ci rappresentasse!

 

Come avete scelto i membri della band, a parte quelli con cui già avevate lavorato in tour?

Sì, Mike e io già lavoravamo con il grande Billy Sheehan, quindi Mike decise di chiamare Ron Bumblefoot e Jeff Scott Soto, che sono state due scelte fantastiche. Jeff Scott Soto è una delle più grandi voci del rock e penso che con questa band alle spalle riuscirà ad ottenere il giusto risalto! Bumblefoot ha fatto un gran lavoro alla chitarra in studio e non vediamo l’ora di portarlo in tour nel 2018, sarà fenomenale!

 

Avete lavorato insieme per registrare l’album, oppure separatamente nei rispettivi studi?

Abbiamo lavorato agli Ocean Studios di Burbank, ci sono voluti 10 giorni per scrivere e registrare l’album, poi le sovraincisioni sono state fatte in seguito. Ma di certo abbiamo lavorato tutti insieme!

 

Quali sono le principali influenze musicali in questo disco? Di sicuro si riconoscono influenze prog metal, ma anche molte influenze hard rock e classic rock.

L’idea era quella di fare un album prog metal. Quanto abbiamo iniziato a scrivere i pezzi però sono venute fuori tutte queste altre influenze, hard rock, classic rock. Emergevano spontaneamente in fase di composizione. I pezzi ci piacevano, così abbiamo deciso di dare priorità alla canzone in sé e di inserire strategicamente in seguito tutti i vari virtuosismi!

 

Qual è la tua canzone preferita dell’album?

Le adoro tutte quante, ma la più importante per me è God Of The Sun, perché fu la prima che presentai a Mike e lui disse che era l’opener perfetto per l’album, cosa di cui fui molto lusingato! Quindi sì, la opening track è la mia preferita.

 

Una domanda più personale: quando hai deciso che saresti diventato un musicista professionista?

Molto presto! Ho vinto un talent show con la mia band ed ho amato subito la sensazione di stare sul palco e di suonare di fronte ad un pubblico. È stato allora che ho capito cosa avrei fatto nella vita.

 

Chi è stata la tua più grande ispirazione tra i diversi musicisti con i quali hai lavorato?

Ogni persona con cui ho lavorato è stata grande in modo diverso, ho sempre cercato di trarre ispirazione da ognuno di loro. È davvero molto difficile sceglierne uno soltanto!

 

Grazie ancora per il tuo tempo Derek, non vediamo l’ora di vedere i Sons of Apollo dal vivo! Vuoi lasciare un messaggio ai lettori di Rock Rebel Magazine?

Certamente! Grazie per il vostro supporto, Sons Of Apollo uscirà il 20 ottobre per INSIDEOUT MUSIC/SONY MUSIC, seguiteci su Facebook, Twitter e www.sonsofapollo.com, andremo in tour in tutto il mondo e non vediamo l’ora di incontrarvi! GRAZIE!

English version

Talking to an authoritative and kind-hearted musician like Derek Sherinian is always a great pleasure.

The following article is a resume of what you may expect from his new super band, the Sons Of Apollo. Unfortunately some interferences on the phone sensibly reduced the time at our disposal, but we certainly discussed all the essential items on the agenda! Have a nice reading and enjoy “Psychotic Symphony”.

 

 

Hi Derek, thank you very much for this interview and for taking time out of your busy schedule! Let’s start talking about the Sons Of Apollo project, how was it born?

Sons of Apollo is a band, not a project. We did an amazing record and we’ve scheduled to bring Sons Of Apollo to our fans on tour around the world. We’ve been putting together a powerful record and we can’t wait to bring it live to our audience. We are a band under every aspect.

 

How did you chose this name for the band? It is very appropriate indeed, as not only was Apollo a sun deity but he was also the God of Music, Arts and Poetry.

Yes it’s true! We thought that as this band features many great artists, we needed a very powerful name to represent it!

 

How did you choose the musicians for this band, apart from those you were already working with on tour.

Well, Mike and I had already been working with the amazing Billy Sheehan, then Mike decided to bring in Ron Bumblefoot and Jeff Scott Soto, which were two incredible choices. Jeff Scott Soto is one of the best rock voices and I think having this band behind him will give him the opportunity to really shine! Bumblefoot was amazing on guitar in the studio and we can’t wait to bring him on tour in 2018, it will be great!

 

Did you actually meet to record the album or our worked in separate studios?

We worked at the Ocean’s studio in Burbank, and it took 10 days to write and record the record, then we did all the overdubs afterwards. We were all together for sure!

 

What are the main musical influences in this album? We surely recognized many progressive metal influences but also many hard rock and classic rock influences

We originally wanted to make a progressive metal album, but as a we started writing all of these other influences came out, hard rock, classic rock, they came out with the song-writing. Those songs were great, so we eventually decided to put the song first, and then we strategically put in all the shredding!

 

What’s your favorite song on the album?

All of them were very important to me but God Of The Sun was the first one that I presented to Mike and he said it was perfect for opening the record, so I was very flattered about that! So the opening song is particularly important to me.

 

A more personal question: when in your life did you decide you would become a professional musician?

Very early! I won a talent show with my band and I just loved the feeling of being on stage playing in front of an audience. That’s when I decided what I would do in my life.

 

Among the many incredible musicians you worked with, who inspired you most?

Every person I worked with has been great in different ways, I tried to get inspiration from everyone of them. It’s really hard to pick just one person!

 

Thank you so much for your time Derek, we’re looking forward to seeing the Sons of Apollo live! Is there anything you would like to say to our readers?

Of course! Thank you for your support, Sons Of Apollo will come out on October 20th for INSIDEOUT MUSIC/SONY MUSIC, you can follow us on Facebook, Twitter and www.sonsofapollo.com, we will be touring all around the world, we can’t wait to see you guys. GRAZIE!

Sons of Apollo line up:

Jeff Scott Soto – vocals

Mike Portnoy – drum/vocals

Ron “Bumblefoot” Thal – guitar/vocals

Billy Sheehan – bass

Derek Sherinian – keyboards

 

SONS OF APOLLO online:
www.sonsofapollo.com
www.facebook.com/SonsOfApollo1
www.Twitter.com/SonsOfApollo1

Facebook Comments