SONS OF APOLLO

Psychotic Symphony

Inside Out Music

Release Date : 20 Ottobre 2017

 

 

Immaginatevi una super band che furoreggia in giro per i palchi di mezza America proponendo versioni strumentali dei pezzi che hanno reso famosi i loro gruppi. Poi un barlume, un’idea, una fiamma che si accende. E tutto di un tratto si materializzano i Sons Of Apollo. Il nucleo originale costituito da Mike Portnoy, Billy Sheehan e Derek Sherinian decide di reclutare l’asso delle sei corde Ron “Bumblefoot” Thal (apprezzato chitarrista e produttore, già visto in opera con i Guns N’ Roses) e la splendida ugola di Jeff Scott Soto (cantante di squisita fattura e versatibilità). Ora non rimane che incidere un album e così nasce “Psychotic Symphony” che, secondo le dichiarazioni rilasciate nella nostra intervista da Derek Sherinian, non è un progetto estemporaneo ma un vero è proprio punto di partenza di una nuova creatura.

 

 

“God Of The Sun” dà inizio alle danze mettendoci immediatamente davanti le coordinate sulle quali si svilupperà questo cd. La matrice prog metal riconducibile in maniera ineluttabile al classico Dream Theater style è sviluppata con un approccio molto seventies, che evita di far trovare il devoto fan davanti all’ennesima copia della band di Boston. Negli 11 e passa minuti dell’opening track si è incantati da passaggi strumentali orientaleggianti dove le linee melodiche del cantato di JSS ben si sposano con le divagazioni solistiche dei musicisti. Il break centrale solenne è sorretto da uno splendido solo di Sherinian per poi riprendere il tema della canzone con il pesante riffing di Thal a donare quel tocco di oscuro alla traccia. Di tutt’altra risma è il singolo “Coming Home”,  più diretta e accostabile maggiormente alle produzioni dei S.O.T.O. grazie ad un ritornello magistrale e uno stampo prettamente hard rock. Sconfiamenti nel metal moderno per quanto concerne “Signs Of The Time” dove il ritmo sincopato ben si sposa con un refrain talvolta dissonante.

 

 

Ciò che emerge dalle prime tre tracce è una certa variabilità di sound che, pur mantenendo le sue radici nel classico prog metal d’autore, adotta soluzioni stilistiche differenti. Soluzioni che si fanno maggiormente apprezzare in “Labyrinth”, vero e proprio manifesto di ispirazione e melodia, che riesce a miscelare prog e Deep Purple ultima maniera (“Now What?!”). “Alive” rallenta i ritmi puntando più sul pathos delle linee vocali, mettendo in primo piano le grandi capacità di Soto dietro il microfono. Piede sull’accelleratore con la splendida “Lost In Oblivion” sorretta da un lavoro di basso immenso e dal drumming potente ed estroso di Portnoy. “Figaro’s Whore” è un breve intermezzo strumentale che introduce il capolavoro dell’album. “Divine Addiction” è una vera e propria perla dove le influenze Deep Purple sfoderate da Sherinian (un mix perfetto tra Don Airey e Jon Lord) lasciano a bocca aperta. La carica della song trasuda hard rock seventies da tutti i pori mettendo in risalto (come se ce ne fosse bisogno) il cantato di JSS. La strumentale “Opus Maximus” posta in chiusura ci lascia ancora una volta di stucco con le soluzioni tecniche adottate.

 

 

“Psychotic Symphony” non è un album semplice o di primo impatto. Possiede infinite sfacettature che vanno ad incastrarsi in maniera divina senza mai appesantire o tediare l’ascoltatore con inutili passaggi o effimeri sfoggi di tecnica. Piacerà ai fan dei Dream Theater e a chi mastica prog metal d’alta scuola, ma di sicuro sarà apprezzato da chi adora la voce di Jeff. Nella speranza di vederli presto sui nostri palchi non ci resta che rischiacciare play e farsi nuovamente avvolgere dall’estro dei Sons Of Apollo.

 

 

 

Tracklist

1. God Of The Sun

2. Coming Home

3. Signs Of The Time

4. Labyrinth

5. Alive

6. Lost In Oblivion

7. Figaro’s Whore

8. Divine Addiction

9. Opus Maximus

 

Line Up

Jeff Scott Soto – vocals

Mike Portnoy – drum/vocals

Ron “Bumblefoot” Thal – guitar/vocals

Billy Sheehan – bass

Derek Sherinian – keyboards

 

 

Link:

www.sonsofapollo.com

www.facebook.com/SonsOfApollo1

www.Twitter.com/SonsOfApollo1

www.facebook.com/InsideOutMusic
www.twitter.com/insideouteu

Facebook Comments