Gli Evanescence hanno pubblicato il video del nuovo singolo “Imperfection” tratto dall’album “Synthesis”, che contiene due brani inediti e le cover di alcuni pezzi di repertorio in una versione speciale in uscita il 10 novembre. “Imperfection” è dedicato a chi soffre di depressione, a chi ha paura di non riuscire a superare i suoi problemi.

 

“Per me questa è la canzone più importante dell’album”, ha detto la cantante Amy Lee di ‘Imperfection’. “Scrivere il testo è stato difficile, ci ho messo molto tempo. Questo è un brano che parla di una vita intera, e temevo di non essere all’altezza. Quando ho capito come scriverlo non mi sono più fermata. È dedicato a tutte le persone che abbiamo perso e a quelle che potremmo perdere. È cantata dalla prospettiva di chi è rimasto indietro, è una preghiera. Non cedete alla paura, combattete ogni giorno. È quello che faccio io: siamo tutti imperfetti e sono queste imperfezioni che ci rendono quello che siamo e c’è tanta bellezza in quelle differenze.”

 

A collaborare con la band è il canadese David Campbell, già arrangiatore degli archi in tre album precedenti degli Evanescence.

 

“Synthesis” arriva dopo l’esperienza solista di Amy Lee che nello scorso febbraio ha pubblicato il singolo “Love Exists”, versione in inglese de “L’amore esiste” di Francesca Michielin di cui Amy si è innamorata sentendola in radio.

 

“Synthesis” tracklisting:

1. Never Go Back
2. End of The Dream
3. Imaginary
4. Bring Me To Life
5. Lithium
6. Lost in Paradise
7. Your Star
8. All That I’m Living For
9. Understanding
10. Sweet Sacrifice
11. Whisper
12. Imperfection
13. Perfect Dream

 

 

Evanescence ricordiamo saranno in Italia per un’unica data a Milano lunedì 19 marzo 2018 al Teatro degli Arcimboldi. La band sarà accompagnata da un’intera orchestra che unisce la propria acustica all’elettronica del gruppo. Di conseguenza, anche il live sarà uno show completamente inedito, in cui la Amy Lee riarrangerà, in chiave prettamente acustica, i brani più celebri della carriera, accompagnata da una grande orchestra.

Facebook Comments