RUXT

Running Out Of Time

Diamonds Prod.

Release Date : 27 Ottobre 2017

 

 

Ritornano con il loro secondo lavoro, dopo neanche un anno, i liguri Ruxt. “Running Out Of Time” è il degno successore di “Behind The Masquerade” (2016, sempre per Diamonds Prod.) e riesce nel non facile compito di migliorare ulteriormente il tasso qualitativo del 5 piece. Se il precedente cd ci aveva impressionato con le sue sonorità Heavy Rock, quest’ultimo ne enfatizza le caratterisiche introducendo (anche grazie ad un uso maggiore delle tastiere) venature più atmosferiche e avvolgenti. Il songwriting di Stefano Galleano, sempre intelligente e creativo, ci regala 10 gemme di puro e incontaminato hard rock. Echi di Jorn, Whitesnake e in generale di tutto quell’hard di classe a sfumature solenni, si miscelano in maniera perfetta rendendo “Running Out Of Time” un vero must per gli amanti del genere.

 

 

La Title Track “Running Out Of Time” rompe gli indugi con un riffing potente e grintoso e un ritornello deciso e coinvolgente. Subito si nota la maturazione a livello vocale di Matt Bernardi, vero e proprio portento dietro il microfono. Il suo timbro caldo e potente si va a piazzare in un ideale ibrido tra Jorn Lande e David Coverdale, rendendolo a nostro parere uno dei migliori interpreti italiani. L’atmosferica “In The Name Of Freedom” raccoglie sicuramente (insieme alla conclusiva “Heaven Or Hell”) l’eredità dei due grandi singers deliziandoci con una prestazione da pelle d’oca.

 

Ma è tutto il cd a regalarci continue emozioni. Il ritmo incalzante di “Legacy”, il trascinante singolo video “Everytime Everywhere”, o la W.A.S.P. oriented “Scars”, sono scintillanti monili che brillano di luce propria. Non si può rimanere inerti davanti a canzoni come la potentissima “Leap In The Dark” o la cadenzata e oscura “Let Me Out”, che mettono in luce l’estro creativo di Stefano. Il lento “My Star” è poi forse una delle migliori del lotto, grazie al cantato di Matt, sentito ed evocativo e all’impecabbile armonia tra chitarra e tastiere. La solenne “Queen Of The World” (sulle orme dei Dio) e la strepitosa “Heaven Or Hell”, con il suo incipit affidato al pianoforte e alla poderosa ugola di Matt, per poi evolversi in un crescendo di rara fattura), chiudono in maniera divina questo cd.

 

 

I Ruxt non hanno la prestesa di inventare qualcosa di particolarmente originale ma puntano tutto su anthem rocciosi, dove un occhio è sempre ben puntato sulla melodia. Il tutto poi suona dannatamene genuino e in questi tempi dove le produzioni plastificate la fanno da padrone è una vera e autentica gioia assaporare l’adrenalina e le emozioni che scaturiscono da “Running Out Of Time”.

 

 

 

Tracklist

1. Running Out Of Time

2. Legacy

3. In The Name Of Freedom

4. Everytime Everywhere

5. Scars

6. Leap In The Dark

7. Let Me Out

8. My Star

9. Queen Of The World

10. Heaven Or Hell

 

 

 

Line up :

Stefano Galleano – guitars

Steve Vawamas – bass

Matt Bernardi – vocals

Andrea Raffaele – guitars

Alessio Spallarossa – drums

 

Link:

www.facebook.com/RUXT-Rock-Band

Facebook Comments