BUTCHER BABIES

Lilith

Century Media Records

Release date: 27 Ottobre 2017

 

 

Mai e poi mai farsi guidare dai pregiudizi ed anticipare considerazioni in base al sentito dire, ad un’immagine superficiale o anche al desiderio di preservare il metal da fenomeni o band che, spesso, ci si azzarda a definire commerciali, magari solo per darsi un tono ed apparire come chi ‘non segue la massa’; la pena, per chi cede al peccato del pregiudizio e del paraocchi, è quella di perdersi un buon disco di metal estremo, con tante idee, divertente, adrenalinico e ben suonato, proprio come ‘Lilith’, terzo lavoro delle Butcher Babies, formazione di metal estremo guidata dalla due avvenenti singer Heidi Shepherd e Carla Harvey.

 

 

Il five-piece della California arriva a questo terzo lavoro, dopo i due più che dignitosi (ma non eccezionali) primi dischi ‘Goliath’ e ‘Take It Like Man’, facendo il classico salto di qualità, che cancella tutti gli storcimenti di naso dovuti al fatto che le due singer fossero ragazze estremamente belle (spesso, per molti, sinonimo di incapacità artistica) e che circolassero falsi rumors su di esse, inerenti ad un passato (mai esistito) come playmate (questo argomento potrete leggerlo nella nostra intervista). Bene, tutta questa fuffa che nulla a che fare con la musica, viene spazzata via dalle note delle prime due track, ‘Burn The Straw Man’ e ‘Lilith’ (primo singolo video uscito): due mazzate di metal estremo e moderno che unisce Slipknot, Machine Head, death metal classico e il metal moderno melodico americano, ma con molta più originalità della stragrande maggioranza delle formazioni di questo filone, spesso impegnate a darsi un tono, più che a scrivere pezzi metal decenti. La chitarra di Henry Flury la fa da padrona, quale asse portante del songwriting e dell’eterogeneità stilistica dei pezzi, sempre assolutamente ben calibrati e saggiamente arrangiati, cosa che dona potenza e respiro alle track migliori, come ‘The Huntsman’, ‘Korova’ o ‘Oceana’: peccato, solamente, una certa aridità nella variazione melodica e nella produzione di assoli, che avrebbe conferito una marcia in più a tutti i brani, splendidamente sorretti da una sezione ritmica, formata dal basso di Klein e dalla batteria di Brickenden, davvero in forma, distruttiva, agile e dalle ottime capacità tecniche.

 

 

‘Look What We’ve Done’ o la divertentissima ‘POMONA (Shit Happens)’, sono un altro biglietto da visita sulle ottime qualità vocali delle due nostre valchirie metal, assolutamente a loro agio, se non migliorate, nei growl e negli harsh e certamente impressionanti sulle parti clean, non solo per la performance vocale in sé, ma anche per la scrittura delle vocal melodies e l’intensità atmosferica donata ai brani.

 

 

Non prendiamoci in giro: se è vero che ‘Lilith’ non è un capolavoro, un disco epocale e le Butcher Babies non cambieranno certo il volto del metal moderno ed estremo, di certo, però, le 11 track che compongono questo album, sono ottime metal song estreme, curate, ben suonate e realizzate con capacità, fantasia e cuore, in grado di farti scapocciare, urlare di rabbia, divertire e meditare (anche, perchè no?), colpendo nelle viscere e stimolando il palato anche dei Die-Hard fan dell’estremo più incalliti (come lo scriba tapino che sta sproloquiando in questo momento), perchè parliamo di thrash/death melodico e moderno, signori e signore. Lo faranno in molti (e senza il vantaggio di due belle ragazze dietro il microfono), ma la Butcher Babies lo fanno con fantasia e capacità ed il segno lo lasciano.

 

 

Chiudete gli occhi e pigiate play…..e lasciate perdere, per una volta, se chi canta porta rossetto ed autoreggenti.

 

 

 

 

Tracklist:

1 Burn The Straw Man

2 Lilith

3 Headspin

4 Korova

5 #iwokeuplikethis

6 The Huntsman

7 Controller

8 Oceana

9 Look What We’ve Done

10 POMONA (Shit Happens)

11 Underground and Overrated

 

 

Line-up:

Heidi Shepherd- vocals

Carla Harvey- vocals

Henry Flury- guitar

Jason Klein- bass

 

 

Link:

www.butcherbabiesofficial.com
www.facebook.com/ butcherbabies
www.twitter.com/ butcherbabies
www.instagram.com/ butcherbabies

Facebook Comments