SUPERHORROR

Hit Mania Death

Burning Minds

Release Date: 27 Ottobre 2017

 

 

Si avvicina Halloween, la notte dei non morti: periodo spettrale, dove le creature più spaventose tornano nel mondo dei vivi per terrorizzarli, momento adatto per la nuova uscita dei Superhorror! La band torna con il suo carico di irriverenza, simpatia e stravaganza: esce il 27 settembre “Hit Mania Death”, quarto lavoro in studio per il quartetto che ha da poco “mozzato” il suo nome da Superhorrorfuck a quello attuale.

 

 

Le più disparate contaminazioni musicali si accavallano all’interno di “Hit Mania Death”: rock ‘n’ roll, hard rock, metal, blues, funk e country. Tutto questo amalgamato da uno stile sarcastico che fa da filo conduttore attraverso tutte queste influenze sonore. “Nice To Meat You” è il singolo-video che ne anticipa l’uscita e, fin dalle prime battute, si intuisce cosa hanno intenzione di proporre; la riffage di chitarra catapulta l’ascoltatore negli anni ’80, ma con uno stile leggermente più aggressivo e mordente. Ma l’album non è solo questo, come detto prima diversi generi sono mixati al suo interno, e così si scopre un andamento decisamente più metal in “Little Scream Queen”, dove un delicato arpeggio di chitarra dà il via ad una traccia massiccia, dove l’incedere possente della sezione ritmica fa da sostegno solido e compatto alla voce graffiante e roca del frontman Edward J. Freak. In salsa country è invece “Dead To Be Alive”, una ballad piena di armonia e suoni southern: la voce si addolcisce all’improvviso, la quale duetta con una femminile (peraltro già presente in ‘Nice To Meat You’), prima di trascinarsi stanca e roca in pieno stile punk; insomma tanto per intendersi, alla Rotten! Il blues pervade “Ed Wood Blues”, con il titolo stesso che rende l’idea della tipologia di traccia alla quale l’ascoltatore si troverà davanti, anche se la riffage che ha reso famosi i bluesman del Delta del Mississippi è decisamente rivisitata, diventando più tosta e aggressiva: dei Bluesbrothers accelerati in poche parole. La matrice rock e punk sono comunque le basi che compongono questo album, le tracce “Nazi Nuns From Outer Space” e “Mr. Rigor Mortis” ne sono la testimonianza tangibile, dove le chitarre si alternano fra i due stili, correndo sempre veloci ed imperterrite, sostenute da una batteria con un groove deciso e ritmato, mentre la voce rimane sempre tagliente e roca, per dar vita ad un siparietto allegro e scanzonato.

 

 

“Hit Mania Death” è un album festaiolo, la sua natura ironica e divertente è un potente ossimoro rispetto alle sembianze orripilanti dei quattro componenti della band, a tutti gli effetti è questa la scelta vincente dei Superhorror. Il viaggio musicale che i quattro si prestano a percorrere è districato di diverse fermate, rappresentate da ogni singolo genere che hanno voluto inserire all’interno del loro album, accompagnato dalla vena di assoluto divertimento e autoironia che lo rende unico ed indimenticabile.

 

“Hit Mnia Death” è stato prodotto, registrato, mixato e masterizzato da Larsen Premoli presso i RecLab Studios di Buccinasco, e l’artwork curato dallo stesso frontman della band. Per chi volesse goderseli dal vivo è prevista una data al Legend Club di Milano. E quale giorno poteva essere scelto se non il 31 ottobre?

 

 

Tracklist:

1) Ready, Steady… Die!

2) Nazi Nuns From Outer Space

3) Mr. Rigor Mortis

4) Ed Wood Blues

5) No Love For The Deceased

6) Dead To Be Alive

7) Rock Is Dead (Like Us)

8) Nice To Meat You

9) Little Scream Queen

10) Mourir, C’Est Chic

11) Selfish Son Of A Witch

12) Nekro-Nekro Gym

 

 

Line Up:

Edward J. Freak – Voce

Mr.4 – Basso

Didi Bukz – Chitarra & Kazoo

Franky Voltage – Batteria

 

 

Link Utili: www.facebook.com/Superhorrorofficialwww.superhorrorweb.com 

twitter.com/SUPERHORRORband

Facebook Comments
3.5