Nuclear Blast è orgogliosa di annunciare che l’album degli ACCEPT “Stalingrad” (2012), è disco d’Oro in Russia! La title track è dedicata a una delle battaglie cruciali della Seconda Guerra Mondiale e della Grande Guerra Patriottica.

 

Wolf Hoffmann (ACCEPT) commenta: “RUSSIA! GRAZIE! SOYUZ! GRAZIE! Il nostro primo disco d’Oro per ‘Stalingrad’ della nuova ERA ACCEPT! Siamo eccitati e non vediamo l’ora di rivedervi!”.

 

Tine Stumpp (Head of Licensing, Nuclear Blast) aggiunge: “Siamo orgogliosi del nostro primo disco d’Oro nel territorio russo! È un grande successo ed è anche il primo riconoscimento per una licenza nella storia della Nuclear Blast. Grazie agli incredibili ACCEPT, che hanno lavorato benissimo e hanno reso ciò possibile e ai nostri partner di SOYUZ MUSIC! Siamo felici di avere un partner così fantastico in Russia e grandi gruppi come gli ACCEPT”.

 

Alexey Alyaev (Direttore Generale, Soyuz Music) conclude: “Sono felice che gli eroi dell’heavy metal ACCEPT abbiano ricevuto il disco d’Oro per ‘Stalingrad’ in Russia! Sono un fan del metal sin dalla metà degli anni ’80 e gli ACCEPT sono sempre stati amati nell’Unione Sovietica e in Russia. Ringrazio gli ACCEPT per la musica che ci hanno regalato negli anni! Rock on!”.

 

La band è tuttora in tour in Europa a supporto dell’ultimo album in studio “The Rise Of Chaos”.

 

Gli ACCEPT sono un pilastro dell’heavy metal tedesco-americano che ha conquistato il cuore dei fan russi. La band ha fortemente influenzato l’heavy metal europeo e con gli album “Restless And Wild” (1982), “Balls To The Wall” (1983) e “Metal Heart” (1985) hanno ispirato un’intera generazione di giovani artisti metal.

 

Negli anni ’80 gli ACCEPT divennero amatissimi dal popolo sovietico. A quei tempi l’heavy metal era bandito dall’URSS e ci voleva un grande coraggio ad indossare il merchandise con i nomi delle band: i fan avrebbero potuto pagare un prezzo molto salato per questo. Una persona vestita da metallaro poteva essere prelevata dalla polizia “per abbigliamento improprio” o essere vittima di bulli di periferia, simili a skinhead britannici, chiamati “Lubera” in quanto residenti di Lubertsy, una città della regione di Mosca. Le autorità hanno chiuso un occhio sugli scontri tra metallari e “Lubera”. Dato che i fan spesso non potevano permettersi di acquistare dischi in vinile, poster e altri prodotti originali, a volte creavano il loro merchandise da sé. Il nome ACCEPT era tra i più popolari tra i fan del rock sovietico. Tutte le borse, le spille, le etichette fatte a mano, le magliette e le giacche avevano quel nome sopra.

 

Oggi trent’anni dopo, i metallari sovietici, anche se cresciuti, sono ancora fedeli ai loro idoli di gioventù. Vanno ai concerti, acquistano i dischi e educano i propri figli alla “musica giusta”. Sono proprio quei veterani e i giovani cresciuti che hanno fatto sì che “Stalingrad” raggiungesse lo status di disco d’Oro. Tutti i nuovi album e i nuovi show sono ben accolti dai fan! Il premio è stato consegnato ai membri degli ACCEPT, al loro team, ai manager e ai rappresentanti di Nuclear Blast.

 

www.acceptworldwide.com
www.facebook.com/accepttheband

Facebook Comments