IN-SIDE

Out-Side

Andromeda Relix

Release date: 18 Febbraio 2018

 

 

“Out-Side” è l’album di debutto dei torinesi In-Side. Le coordinate sulle quali poggia il loro soundmark è un Aor molto soft con venature prog (grazie al sapiente e particolare uso delle tastiere). Certo più che un full length bisognerebbe parlare di un ep, dato che, escludendo l’intro “The Gate”, troviamo solo sei pezzi.

 

La band nasce dall’idea del tastierista e compositore Saal Richmond (al secolo Salvatore Giacomantonio) e cerca di coniugare influenze alla Toto con alcune sonorità riconducibili al prog di band come gli Alan Parsons Project. Il risultato finale non è affatto male, anche se certe linee melodiche e alcune soluzioni denotano ancora un songwriting acerbo. Questo non significa che le canzoni non siano godibili, tutt’altro. Quello che forse manca alle composizioni degli In-Side è quella melodia e quei refrain di facile presa che ti si piazzano in testa al primo ascolto. Il livello tecnico è indiscutibilmente alto. Brani come “The Signs Of Time” o “Block 4 (The Russian Woodpecker)” hanno la loro forza nel sapiente utilizzo delle tastiere e nei riff di chitarra. Quello che è certamente migliorabile è il cantato di Beppe Jago Cadeddu, che pur possedendo un timbro caldo e avvolgente manca talvolta di personalità.

 

Nel complesso il disco si fa ascoltare senza avere picchi pazzeschi, ma mantenedo uno standard medio alto. Dato che è la loro prima fatica siamo certi che in futuro sapranno migliorare e rendere il loro sound più personale.

 

 

 

Track List

01 The Gate

02 The Signs Of Time

03 The Running Man

04 Block 4 (The Russian Woodpecker)

05 I’m Not A Machine

06 Break Down

07 Lie To Me

 

 

Line Up:

Saal Richmond – Keyboards

Beppe Jago Careddu – Vocals

Dave Grandieri – Keyboards

Cloud Beneventi – Guitars

PJ Philip – Bass

Marzio Francone – Drums

 

 

Link

www.facebook.com/INSIDEAORITALY

Facebook Comments
3