FOREDAWN

Foredawn

Jack Music Records

Release 23 Marzo 2018

 

 

 

Prima pubblicazione ufficiale per la band milanese dei Foredawn. Con l’omonimo album si tuffano nella mischia a gomiti alti grazie al loro Alternativa Metal, con arie Crossover, capitanati dalla female voice di Irene Franco. Gli amanti di Guano Apes, Lacuna Coil, The Gathering ed Infected Rain, seppur band di estrazione musicale completamente differente, troveranno in questo gruppo dell’ottimo materiale per i propri gusti.

 

On stage intro con “Cliffs of Moher”, brano strumentale che introduce la band con il loro ottimo groove espresso in “Eternal Fight”. Buona la presenza di suoni digitali tendenti all’Industrial Metal con chitarre ben variegate e mai monotone, un’ottima espressività vocale ed un treno ritmico ben marcato e scandito. Ottima la contrapposizione tra il suono monolitico di chitarra e la vocal session in “Insidious Dark” (di cui è stato realizzato un video), corredata dalle belle triplettate in doppio pedale alla batteria grazie a Ivan Franco. Molto buono anche l’attacco di “Tears Are Fallen” che viaggia spedita e decisa, forte di un ritornello a “piena voce” ed un bel cambio ritmico in un interlude a 2/3 della traccia.

 

Devastante come un rullo compressore è “Buried Hopes” che nel cantato del ritornello riprende l’”Alteria Style” mentre la parte musicale viaggia su un palm muting da headbanging bello deciso; si rimane su alti livelli anche con “Nightfire”, veloce e concisa, anche in questo caso forte di un comparto vocale molto aggressivo. Parte interessante è quando l’ascia di Mattia Stilo sfodera un interessante e ridondante assolo.

 

Interessante anche “Stronger” che segue la linea melodica e musicale delle precedenti tracce così come “I Stay Here” ove, in entrambi i casi, su un intenso groove, spicca la potente voce di Irene. Riff devastante quello di “Signs”, altro bel brano energico e potente, ottima colonna sonora per le sessioni di training più dure in palestra. “Nightmare” funge un po’ come outro seppur sia brano a sè stante e non molto differente dai precedenti.

 

Ultima traccia, quasi una bonus-track, è lasciata alla cover dei Dead or Alive “You Spin Me Around”, abbastanza simile alla versione proposta dai Rezophonic, con alla voce Miss Cristina Scabbia, ottima rivisitazione dell’originale.

 

I Foredawn hanno fatto un ottimo lavoro con il loro primo album, curando molto le sonorità e le armonie dell’album. Fanno molta leva sulle spiccate capacità vocali della lead-singer Irene Franco che, anche grazie ad un ottimo post-mixing, offre un’eccellente impronta ad ogni singolo brano. La band nel complesso ha ottime qualità e dimostra di avere un solido background seppur una movimentazione maggiore della tracklist avrebbe giovato ai padiglioni auricolari che, se non esperti, potrebbero assimilare le tracce come canzoni un po’ tutte uguali. Assolutamente da ascoltare.

 

 

Tracklist:

1. Cliffs Of Moher

2. Eternal Fight

3. Insidious Dark

4. Tears Are Fallen

5. Buried Hopes

6. Nightfire

7. Stronger

8. I Stay Here

9. Signs

10. Nightmare

11. You Spin Me Round (Like a Record) – Dead Or Alive Cover feat. Emi (Wolf Theory/Mellowtoy)

 

 

Line Up:

Irene “Ire” Franco: Vocals

Ivan Franco: Drums

Mattia “Tia” Stilo: Guitar

Riccardo Picchi: Guitar

 

Link:

www.facebook.com/foredawn

www.instagram.com/foredawn_official

Facebook Comments
4