ESCAPE THE FATE

I Am Human

Better Noise Records

Release date: 30 marzo 2018

 

 

Quando ci si lega all’amore si è soliti dire ‘due cuori e una capanna’, ma quando l’emozione si chiama Escape The Fate è altresì unico sottolineare ‘quattro battiti e un album’, perché il four piece statunitense è tornato con un masterpiece dalle forti e variopinte pulsazioni, che raffigurano a senso unico il titolo “I Am Human”.

 

Il sesto lavoro del quartetto del Nevada si presenta come il più eterogeneo e probabilmente il più riuscito, oltre a proporre testi legati alle molteplici esperienze di vita nelle quali ci identifichiamo un po’ tutti, e guida il sound attraverso un percorso polifunzionale che si divide tra le origini emo-metalcore, un irresistibile melodic rock (accompagnato da una chitarra sgargiante e sempre in primo piano), e piccoli ma al tempo stesso notevoli momenti pop-punk; il tutto viene esaltato in pompa magna dall’ottima dualità vocale di Craig Mabbitt, capace di uno screamo trascinante e di una voce pulita che dona ai brani una fastosa realtà virtuale.

 

Le quattordici tracce uniscono due percorsi studiati meticolosamente per omaggiare un itinerario unico e omogeneo: il primo segue quel rock armonico, catchy e in melodioso stile hi-fi che si può godere nella coinvolgente “Beautifully Tragic”, nella titanica “Four Letter Word”, e nel portentoso singolo “Broken Heart” per il quale è stato girato un video che merita l’oscar della genialità, grazie alla spassosa ilarità di uno smartphone assoluto protagonista.

 

 

La gioviale dinamicità di “I Will Make It Up To You” ricorda il talento umoristico dei Bowling For Soup, mentre la profonda “Bleed For Me”, l’impatto suggestivo della title track “I Am Human”, il battito acustico di “If Only” e la versione unplugged di “Let Me Be” (brano edito contenuto nel precedente album ‘Hate Me’), rappresentano quel tratto intenso e fulgido da percorrere col motore a reazione passionale.

 

Le sonorità cominciano a farsi più roventi per merito degli altri due singoli “Empire”, dove spiccano segnali modern rock e un corposo uso dei synth, e “Digging My Own Grave” che predilige adrenalina ad alto vigore; seguono il travolgente pop-heavy di “Do You Love Me”, le contagiose influenze nu-metal di “Recipe For Disaster” (con gradite strofe hip-pop), l’eighties a leggero sfondo Motley Crue dell’esaltante “Riot” e infine la curiosa e accattivante “Resistance”, che a tratti ricorda la celebre ‘Spirit In The Sky’ inneggiata nel 1969 dal cantautore statunitense Norman Greenbaum, e riproposta nel 1986 dai teatrali Doctor And The Medics.

 

E se le tracce sino a qui menzionate non bastano a soddisfare gli instancabili padiglioni auricolari, basta arricchirsi della versione deluxe con le bonus “Dead To Me” e “Mask” per completare un viaggio già avvincente a priori.

 

Un percorso che merita di continuare nella playlist dei preziosi dispositivi ‘made in technology’, così come altrettanto impagabile è lo stesso “I Am Human”: un album versatile plasmato da una band altrettanto polivalente; perché l’innato marchio Escape The Fate lascia un’inconfondibile impronta emo-metalcore, griffa un radiante pop-punk e sigilla un brillante melodic rock.

 

 

Tracklist

1. Beautifully Tragic

2. Broken Heart

3. Four Letter World

4. I Will Make It Up To You

5. Bleed

6. Do You Love Me

7. I Am Human

8. If Only

9. Empire

10. Recipe For Disaster

11. Riot

12. Digging My Own Grave

13. Resistance

14. Let Me Be

15. Dead To Me (Deluxe Edition’s bonus track)

16. Mask (Deluxe Edition bonus’s track)

 

 

Line up

Craig Edward Mabbitt – lead vocals

Kevin “Thrasher” Gruft – guitars & backing vocals

Thomas “TJ” Bell – bass, guitars & backing vocals

Robert James Ortiz – drums, percussions & backing vocals

 

 

Link

www.escapethefate.com

www.facebook.com/escapethefate

twitter.com/EscapeTheFate

Facebook Comments