3.2

The Rules Have Cahnged

Frontiers Music

Release date: 10 Agosto 2018

 

Il progetto 3 merita un accenno storico. Nasce oltre 30 anni fa quando, nel 1987, le dita del leggendario Keith Emerson incontrano l’estro compositivo del super polistrumentista Robert Berry. Ne nacque un gruppo innovativo che vide l’innesto di un altro mostro sacro come Carl Palmer a formare una band proiettata a seguire le orme degli Asia e dei GTR, all’epoca capostipiti del genere.

 

Da questo connubio nasce “…To the Power of Three” che sotto l’egida della Geffen riesce a raggiungere ottimi piazzamenti nella classifica di Billboard US tanto da spingere la Geffen a pretendere una seconda release di un album eccezionale. Emerson si mise di traverso perché si sentì sfruttato e non vide nell’etichetta la spinta nel promuovere il loro disco per quanto si aspettasse così uscì dalla band con alcuni brani già progettati e quasi pronti ad essere pubblicati. Questi vennero portati a compimento dal solo Robert Berry che li portò alla luce in un suo album, “Pilgrimage to a Point”.

 

Passarono gli anni quando nel 2015 vi fu un nuovo avvicinamento fortemente voluto dal patron di Frontiers Music che fece riallacciare i rapporti artistici tra Robert e Keith per la realizzazione si un sequel al primo album dei 3, rinominati 3.2.

 

Vecchie parti registrate sui più disparati nastri o supporti sono stati riesumati e riarrangiati dai due MasterPiece della Prog Old Style. Un lavoro mastodontico che ricalca la linea che i 3 nativamente si erano dati dando alla luce un LP che sembra abbia viaggiato nella capsula del tempo, dalla fine degli 80’ies ad oggi, senza subire alcuna alterazione.

 

Tutto l’album è un enorme viaggio nelle radici più recondite della Prog, fondamentalista e strutturata secondo i canoni che l’hanno portata alla vita. I suoni sono naturalmente (e purtroppo) più moderni seppur è chiaro che la volontà fosse quella di trasportarli il più possibile indietro nel tempo per stile e struttura.

 

Degne di nota sono le tracce “Powerful Man” oppure “What’re you Dreaming Now”, “Somebody ‘s Watching” e l’acustica “This Letter”. Tutte tracce ove velatamente Berry inserisce rimandi al compianto Keith Emerson suicida nel 10 Marzo 2016 a causa di una malattia fisica che gli stava limitando le sue capacità musicali e, non sopportando il peso di non poter esprimere la perfezione nelle sue opere artistiche, venne oppresso da tale peso che lo spinse al suicidio.

 

Un album molto, molto, adulto e per un pubblico di nicchia non più di primo pelo che ancora vive i magnifici anni delle band Prog che hanno fatto da fondamenta per tutti i moderni gruppi. Molti i rimandi ed i richiami alla prima produzione dei 3, seppur difficilmente raggiungibile ma un eccellente ed ottimo modo per tenere vivo il ricordo di un visionario in musica come Keith Emerson.

 

 

Tracklist

One By One

Powerful Man

The Rules Have Changed

Our Bond

What You’re Dreaming Now

Somebody’s Watching

This Letter

Your Mark On The World

Sailors Horn Pipe (Instrumental)

 

Line up:

Robert Berry tutti gli strumenti

Robert Berry e Keith Emerson testi ed arrangiamenti

 

Link:

www.robertberry.com

www.facebook.com/Robertberrymusic

twitter.com/@theRobertBerry

Facebook Comments