Il sound dei rebelHot è intriso di influenze anni ’70. Un mix di rock, blues e funk da non perdere. Sin dall’uscita del loro album di debutto nel 2016 (con la partecipazione di Jason Patterson dei “Cry Of Love” come ospite speciale, e il mastering di Alessandro Del Vecchio), i rebelHot hanno partecipato a diversi a festival in tutta Europa e suonato con artisti del calibro di “Y & T”, “The Darkness” , “Joe Lynn Turner”, “The Quireboys”, “Autograph”, “Skinny Molly” e molti altri.

 

Il loro attesissimo nuovo album “Uncomfortableness” uscirà in tutto il mondo il 12 ottobre 2018 via Metalapolis Records, e conterrà 10 nuovi brani più un’esclusiva bonus track nell’edizione in vinile. “Uncomfortableness” è stato registrato, mixato e masterizzato negli studi P-Rose dal chitarrista Paul Mainetti. La band ha inciso la maggior parte del disco dal vivo e senza l’utilizzo di effetti digitali, in modo da ricreare quel sound puro e grezzo, tipico degli album anni ’70.

 

Il nuovo disco è stato inoltre arricchito da alcuni suoni blues come l’armonica, e i cori femminili in alcune canzoni, pur mantenendo quel sound funky e quelle sonorità southern rock che caratterizzano la band.

 

Tracklist:

01. How Is Elvis

02. Hey Mama

03. Wheeler Dealer

04. High Heels, Hot Wheels

05. Sunday Morning

06. Mad Train

07. Keep on Keepin’ On

08. Love and Divine

09. Soul Stealer

10. Stand Up

 

Qui potete ascoltre “How Is Elvis”, il primo singolo estratto da “Uncomfortableness”

I rebelHot sono:

Husty – voce, tamburrello Paul – chitarra, voce Ze – basso, voce Frank – Batteria, voce, percussioni

 

La band questa domenica 23 settembre aprirà il concerto degli inglesi Bigfoot al Legend Club di Milano.

Facebook Comments