CAGE

Images

Autoprodotto

Release date: 5 Ottobre 2018

 

 

I CAGE sono un gruppo Carrarese giunto al 25’ esimo anno di attività nella scena progressive italiana ed alla loro sesta produzione a distanza di circa 10 anni dall’ultimo album. La band nel corso degli anni ha subito molte variazioni di lineup sino ad arrivare alla scelta di due voci femminili portando lo stile della band molto più vicino al Rock pur mantenendo l’attitudine Prog. L’ascolto dell’album è un viaggio etereo e fluttuante per via delle ambientazioni armoniche che somigliano ad un Crossover tra sorelle Coors, Massive Attack, Morcheeba e The Gathering, addizionate di tecnicismi Prog.

 

Il Main Theme dell’album, primo di due opere previste, vede un’analisi dell’uomo, analizzandone le origini e la sua evoluzione, sino a valutazioni più profonde.

 

“Black Hole” introduce una rapidissima sequenza di immagini sonore che riprendono la totalità delle tematiche ma solo grazie a “Cage” è possibile saggiare la tempra dei numerosi elementi che compongono il gruppo. Ottima ed equilibrata la scelta sonora che vede la parte vocale in primissimo piano poggiata su suoni tendenzialmente futuristici ma ben concreti e fortemente orientati ad una vena Pop.

 

“Drowning” è molto radiofonica e ben strutturata facendo percepire che i 25 anni di carriera non sono proprio patatine. L’ingresso della chitarra è come una sciabolata che innesta una marcia in più nel brano. La Title Track “Images”, introspettiva ed inizialmente velatamente riflessiva, assume toni più accesi e caldi quando le voci di Diletta Manuel e Giulia Corti viaggiano appaiate e la sublimazione si raggiunge sul tecnico assolo di 6 corde.

Ambientazione astrale ed astratta con “Julia’s Dream” che culla i padiglioni auricolari in un viaggio siderale quasi ipnotico mentre l’atterraggio sulle note di “Flow Of Time” è tutt’altro che morbido. Si ha un netto cambio di registro in quanto la chitarra diventa bella legnosa articolando riff di ispirazione Theateriana.

 

“Words” viene chiamata a chiudere questo primo capitolo che i Cage ultimeranno sul finire del 2019 ed è una bella song articolata e strutturata su più panorami, affrontati in un viaggio di 6 minuti e mezzo.

 

L’album ha una grana ed uno spessore di realizzazione che si differenzia notevolmente dalle recenti produzioni di major più blasonate. Forse alcune sonorità possono sembrare già udite, specialmente dalle orecchie più esperte e competenti ma, nel complesso, il lavoro e gli sforzi impiegati per la realizzazione di questa prima parte di progetto, sono assolutamente molto positivi. Attendiamo il completamento per la visione totalitaria che la band ha deciso si offrirci.

 

 

Tracklist:

Black Hole

Cage

Drowning

Images

Julia’s Dream

Flow Of Time

Words

 

 

Lineup:

Andrea Mignani: Chitarra

Damiano Tacchini: Piano, Tastiere

Diletta Manuel: Voce

Giulia Curti: seconde voci, Percussioni

Leonardo Rossi: Basso

Andrea Griselli: Batteria

 

Link:

www.facebook.com/Cage.ProgMusic

Facebook Comments