NAZARETH

Tattooed On My Brain

Frontiers Music srl

Release date: 12 Ottobre 2018

 

 

Era il 1968 e in una cittadina della Scozia (Dunfermline) si formò il nucleo embrionale dal quale scaturì una delle leggende dell’hard rock britannico. Ad oggi, e sono passati 50 anni, il nome Nazareth possiede ancora la stessa suggestione che era in grado di trasmettere un tempo. Hit single come “Hair Of The Dog” (tra l’altro coverizzata dai Guns N’ Roses nell’album “The Spaghetti Incident?”), “This Flight Tonight” e “Love Hurts” sono gioielli entrati per sempre nella storia della musica, oltre ad aver influenzato generazioni di musicisti. Il 12 ottobre, a distanza di 4 anni dall’ultimo buon “Rock ‘N’ Roll Telephone”, uscirà il loro 24° album in studio. Questo “Tattooed On My Brain” segna sicuramente un nuovo inizio per la band scozzese. In primis perché è il primo lavoro senza lo storico singer Dan McCafferty (ritiratosi dalle scene per seri problemi di salute) e poi per la sferzata verso sonorità più al passo coi tempi.

 

A raccogliere la non facile eredità lasciata da Dan è il grandissimo Carl Sentance, che già conoscevamo per gli splendidi lavori con Persian Risk e Don Airey. La diversità di timbro tra i due grandi cantanti è uno dei pilastri sui quali si basa il cd. Il timbro più alto e pulito di Carl permette alla band di esplorare territori più hard e sonorità più al passo coi tempi. Ne è un esempio lampante l’opener “Never Dance With The Devil”, dove la matrice tipicamente seventies si sposa alla perfezione con suoni moderni. Qui si erge come protagonista Sentance con una prova maiuscola, ma la cosa più importante è che i Nazareth non rinnegano le proprie radici, anzi le sviluppano cercando di creare qualcosa di nuovo. Questa sensazione prosegue con la Title track di cui è disponibile anche il video. Diretta, senza tanti fronzoli, ci riporta alla mente anche qualcosa dei Ramones (almeno a livello di attitudine). “State Of Emergency” pesta duro con i suoi ritmi sostenuti regalandoci una traccia sporca e cruda nel pieno spirito del rock n’ roll. Non mancano pezzi di facile presa come “Rubik’s Romance” e “Silent Symphony”, dove i ritornelli e il loro incedere sono ruffiani al punto giusto. C’è poi il lavoro di Jimmy Murrison alla chitarra a regalarci trascinanti riff specialmente in “Pole To Pole”, “Don’t Throw Your Love Away” e “Crazy Molly”.

 

Riff mai banali e sempre intrisi di grande passione. L’hard N’ Blues di “Push” (con Sentance in stato di grazia) e l’anthem rock di “The Secret Is Out” con i suoi neanche troppo velati riferimenti ad Angus Young e soci, gettano altra benzina sul fuoco continuando a tenere alto l’interesse. Poi quando meno te lo aspetti arriva il pezzaccio che ti fa saltare sulla sedia (“What Goes Around”) che riporta in mente i fasti dei loro primi lavori. Il groove semplice ma azzeccato ha quel magico potere di far muovere ogni muscolo del nostro corpo. L’accoppiata “Change” (dove melodia e potenza si alternano in maniera egregia) e “You Call Me” (lenta, acustica e ipnotica nel suo evolversi) chiudono il cd senza alzarne o diminuirne il valore.

 

“Tattooed On My Brain” è un buon punto di partenza per la band di Pete Agnew. L’aver trovato un cantante del valore di Carl Sentance (soprattutto dal vivo) alla lunga farà diminuire la malinconia per l’abbandono dello storico Dan McCafferty e creerà una nuova dimensione per la band. Nel frattempo questo nuovo corso darà una sferzata e un nuovo lustro ad una delle più grandi band della storia. Ascoltatelo e non ne rimarrete delusi.

 

Track List

01 Never Dance With The Devil

02 Tattooed On My Brain

03 State Of Emergency

04 Rubik’s Romance

05 Pole To Pole

06 Push

07 The Secret Is Out

08 Don’t Throw Your Love Away

09 Crazy Molly

10 Silent Symphony

11 What Goes Around

12 Change

13 You Call Me

 

Line Up:

Carl Sentance – vocals

Lee Agnew – Drums

Jimmy Murrison – Guitar

Pete Agnew – Bass

 

 

Link:

www.nazarethdirect.co.uk
www.facebook.com/nazarethofficial
www.instagram.com/nazareth.officialband

Facebook Comments