Si è conclusa nelle prime ore della mattina (ora italiana) di oggi, lunedì 11 febbraio 2019, allo Staples Center di Los Angeles la sessantunesima edizione dei Grammy Awards, la premiazione più importante nell’ambito dell’industria discografica statunitense. Una serata impèortante che ha visto le esibizioni – tra gli altri – di Lady Gaga, Mark Ronson, Travis Scott, Dua Lipa con St Vincent, Chloe x Halle, Cardi B, Shawn Mendes, Janelle Monae, Red Hot Chili Peppers con Post Malone, Diana Ross, H.E.R, Brandie Carlile e Dan + Shay.

 

Il compianto Chris Cornell, leader di Soundgarden e Audioslave, è stato premiato per la canzone “When Bad Does Good”. Il premio è stato ritirato dai figli Toni e Christopher, rispettivamente di 14 e 13 anni. Qui a fine articolo il video con il loro discorso.

 

 

Di seguito la lista di tutti i vincitori dei Grammy Awards 2019:

 

Album dell’anno
Kacey Musgraves – Golden Hour

 

Registrazione dell’anno
Childish Gambino – This Is America

 

Miglior nuovo artista
Dua Lipa

 

Miglior album Rap
Cardi B – Invasion of Privacy

 

Miglior album R&B
H.E.R. – H.E.R.

 

Miglior brano rap
Drake – God’s Plan

 

Brano dell’anno
Childish Gambino – This Is America

 

Miglior performance di un duo /gruppo pop
Lady Gaga and Bradley Cooper – Shallow

 

Producer dell’anno (non classico)
Pharrell Williams

 

Miglior performance rap cantata
Childish Gambino – This Is America

 

Miglior performance rap
Kendrick Lamar, Jay Rock, Future, & James Blake – King’s Dead
Anderson .Paak – Bubblin

 

Miglior album rock
Greta Van Fleet – From the Fires

 

Miglior brano rock
St. Vincent – Masseduction

 

Miglior performance metal
High on Fire – Electric Messiah

 

Migliore performance R&B
Best Part — H.E.R. feat. Daniel Caesar

 

Migliore canzone R&B
Boo’d Up — Larrance Dopson, Joelle James, Ella Mai

 

Miglior performance rock
Chris Cornell – When Bad Does Good

 

Miglior Urban Contemporary Album
The Carters – Everything Is Love

Facebook Comments