WEST BOUND

Volume I

Frontiers Music

Release date: 22 Febbraio 2019

 

 

Attualmente vi sono non molte correnti per le nuove creazioni musicali: chi sperimenta cose nuove, chi coverizza, chi da una lenta evoluzione e chi, come nel caso dei West Bound è redicato nel passato e nell’era contemporanea produce musica di quasi 30 anni fa. Si, è proprio così con il loro “Volume I”, la band targata Los Angeles ha quasi completamente aborrato le nuove tecnologie nell’ambito musicale a favore della canonica strumentazione musicale per la realizzazione dei propri brani che, molto probabilmente, potrebbero ancora essere registrati in presa diretta con tutti i componenti in un unica stanza. Sembra offensivo evidenziarlo ma, per chi ha vissuto l’era dei Lynch Mob dell’album “Wicked Sensation” uscito nel 1990, sembrerà di essere rimasti a quell’epoca intrappolati esattamente in quel patern sonoro all’interno del quale trovavano spazio anche altri Big come Tora Tora e L.A. Guns.

 

Il tipico hard rock dalle venature blueseggianti prende forma con la spettacolare “Never Surrender”, di cui è stato realizzato un video, che non si discosta di una virgola dalla canonica stesura degli album di allora e con un riff di chitarre semplice ed arricchito solo da un deciso effetto flanger. Ormai una cosa rara sentire i duetti nell’assolo tra le due sei corde, cosa che, chiaramente qui è lo standard. A seguire “Dance of Life”, una bombardona in mid tempo tutta puntata sul feeling vocale offerto dall’ex singer proprio dei Lynch Mob, Chad West.

 

Estasi sonora per una di quelle che probabilmente è una B-Side dei LM ossia “Ain’t Gonna Drown”. Pura esplosione Hard Rock con il riffone principale da headbanging assicurato seguendo il ritmo di un rullante secco come il deserto. Aposteosi sull’assolo! Si cala un po’ il ritmo con “Beautiful Dream” che però è ricca di suoni incendiari e caldissimi, esplodendo sul ritornello con un chorus dal forte tatto.

 

Struggente l’inizio di “Nothing” dall’impronta leggermente più moderna seppur molto standard e non troppo avvincente anche se con “Roll The Bones” si risolleva un po’ l’umore e la cattiveria melodica con uno dei brani meglio riusciti dell’album.

 

Immancabile una bella hard ballad tutta coralità e chitarroni nel ritornello -così si presenta “On My Own” –, mentre a seguire un altro bel brano trascinante e ‘pornografico’ nel groove… Si pornografico: un lento e deciso ritmo quasi pelvico per un altra Top Track Lynch Mob Inspired come “Keeper Of The Flames” che offre un altro assolo in pentatoniche old style.

 

Vogliamo escludere un’altra ballad con intro in chitarra acustica? Sarebbe antitetico rispetto alla linea West Bound ed ecco infatti “Turn To You” che ricorda i lentoni in stile Cinderella, molto molto bella e sull’assolo che dire?? Pelle d’oca…

 

Dopo questo gradevole riposo per i padiglioni auricolari si riparte a tutto vapore con “No Room For Sympathy”, altra traccia “classica” dall’ottimo tiro e secondo lo stile West Coast che sfuma verso il brano un po’ più eterogeneo della tracklist, “Traveller”. Un brano di circa 6 minuti più votato al progressive e dalle sonorità meno standard ma più ricercate, probabilmente troppo diverso dal resto della tracklist e probabilmente da evitare.

 

I West Bound hanno riproiettato i non più ragazzini in un era che chi non ha vissuto fa fatica a comprendere a livello musicale. La similitudine alle grandi band citate è facilmente palpabile seppur vi sia un carattere proprio in ogni canzone proposta. Forse questo attaccamento radicato al passato riproposto in chiave sonoramente più moderna, poteva offrire qualcosa di più ma le prerogative per far bene sono nette e chiare.

 

 

 

Tracklisting:

Never Surrender

Dance Of Life

Ain’t Gonna Drown

Beautiful Dream

Nothing

Roll The Bones

On My Own

Keeper Of The Flame

Turn To You

No Room For Sympathy

Traveller

 

Lineup:

Vocals – Chas West

Guitars – Roy Z

Guitars – Jimmy Burkard

Bass – Jason Cornwell

Drums – Dave ” Chilli ” Moreno

Keyboards – Stephen Leblanc

 

Link:

westboundofficial.com
facebook.com/westboundofficial
instagram.com/westbound_official
twitter.com/WestBound_Music

Facebook Comments
3