A poco più di un anno di distanza da “Eleven”, i Viboras tornano con un nuovo lavoro. Questa volta si tratta di un EP intitolato “Bleed”.

 

L’artwork del disco è disegnato da Irene, cantante del gruppo, ma anche disegnatrice e tatuatrice. Il cuore raffigurato è il perfetto biglietto da visita che la band lombarda vuole mostrare. Difatti, attraverso i sette brani presenti, “Bleed” ci svela un lato più intimo deiViboras; le tematiche svelano si quel lato più intimo della band lombarda, ma vengono raccontate sempre con quel punk-rock che da anni contraddistingue Irene e soci.

 

L’EP si avvale anche di diverse partecipazioni: Olly Riva (Shandon), Andrea Rock (Andead), Luca Crummy (Crummy Stuff) e Fabio Gallo (The Boogie Spiders).

In fase di registrazione ha partecipato come bassista Silvia “La Zebra” Zanin (The Boogie Spiders), la stessa ha anche accompagnato i Viboras nel tour che ha preceduto le registrazioni di “Bleed”. Attualmente al basso c’è Giulia Pessina con la quale la band ha intrapreso un tour che li vedrà protagonisti su diversi palchi del Nord Italia, in attesa della stagione estiva, per la quale sono attese ulteriori novità.

 

“Bleed perchè è difficile fare tutto ciò che vuoi o devi, a volte devi dare tutto fino a rimanere dissanguato e continuare comunque. Il cuore è abbastanza chiaro come messaggio, sanguinare é a volte uno dei livelli di impegno che devi mettere per rendere il domani meglio di ieri”

 

Track-list:
1. Bleed (feat. Luca Crummy)
2. I Can Too (feat. Fabio Gallo)
3. Don’t Worry About Me (feat. Andrea Rock)
4. S.O.I.A. (feat. Olly)
5. Save Your Prayers
6. Much To Say
7. Via Di Qua (bonus track, 2019 remaster)

I Viboras nascono nel settembre 2003, pochi mesi dopo l’incontro-colpo di fulmine tra i componenti della band sul set del video dei Berenice Beach (già band di Sal e Beppe) “Jennifer”: Irene, all’epoca protagonista del video, e Gio, regista, trovano subito il feeling con il chitarrista Sal che propone di fondare un nuovo gruppo chiedendo a Beppe di unirsi al progetto. Nell’arco di 4 mesi la band compone e registra un demo al Malibu di Milano, “We Bite”, e dopo una breve label search entra nel roster Ammonia Records, registrando l’album “Wrong” presso il celebre West Link Studio di Pisa allo scoccare dell’anno dalla formazione. Da quel momento la band gira in Italia, Austria, Spagna unendosi a festival punk d’eccellenza come Eastpak Etnika Rock e la prima edizione di Rock in Idro, condividendo i palchi con nomi storici quali Toy Dolls, Darkest Hour, Punkreas, Derozer, Pornoriviste, Alberto Camerini.

 

Durante la composizione del secondo album Irene Viboras partecipa a brani di Thee STP, Punkreas e J-AX: quest’ultimo con le 2,5 milioni di visualizzazioni del video “Tre Paperelle” e i successivi live sold out a MTV TRL Awards e Live Club apre la band ad un ampio pubblico dai gusti musicali liberi da genere.

Nel 2010 i componenti decidono di mettere in standby la band per concentrarsi sui progetti artistici personali, ma l’assenza dell’entità “Viboras” si fa sentire da tutti: dopo aver finalmente pubblicato “We Are With You Again” nel 2015 ripartono live e composizione e gli anni di pausa danno alla luce “Eleven”, terzo studio album registrato al 33Hz Studio di Frank Altare e pubblicato nel febbraio del 2018.

 

La band concentra i successivi concerti nel Nord Italia a supporto della nuova release e intanto lavora all’EP “Bleed”, il quarto lavoro di prossima uscita che verrà promosso con il “Bleed Tour” organizzato in collaborazione con Black Dog Booking Agency.

 

Contatti:
facebook.com/viboras.rock
instagram.com/viboras_official

Facebook Comments