Mark Lanegan, una delle voci più intense del cantautorato rock, torna in Italia.
Nato nel 1964 a Ellensbrug, Mark Lanegan è un performer dalla voce inconfondibile, rauca e gutturale, conosciuto per essere il cantane e leader degli Screaming Trees, uno dei gruppi di punta della scena grunge, oltre alla collaborazione con i Queens of the Stone Age, esordisce come solista nel 1990 mostrando il suo inestimabile talento musicale anche con le numerose collaborazioni di cui si è circondato, nei progetti più diversi.

“The Winding Sheet” è il titolo del suo debutto solista. L’album ottiene un grande successo dalla critica, indicando Lanegan come uno degli autori più promettenti degli anni ’90.
“Whiskey for the Holy Ghost” è il secondo album pubblicato nel gennaio 1994, considerato dalla critica uno dei capolavori della produzione solista del cantautore statunitense a cui seguono “Scraps at Midnight (1998) , “I’ll take Care Of you” (1999),  e “Field Songs” .

A partire da “Here Comes That Weird Chill”, EP pubblicato nel 2003 che anticipa il sesto album “Blubble Gum” i suoi album assumono la dicitura Mark Lanegan Band, composta dagli stessi musicisti che lo accompagnano nei suoi tour mondiali.
A distanza di 8 anni da “Bubble Gum” a novembre 2011 viene annunciato il ritorno della Mark Lanegan Band con il disco “Blues Funeral” che esce a febbraio 2012, un album di straordinaria bellezza tra aggressività rock, folk blues e influenze anni 80, seguito da “Phantom Radio” e “Gargoyle”.
“Somebody’s Knocking” è il titolo del nuovo album, anticipato dal singolo “Stitch It Up”, in uscita il 18 ottobre.www.marklanegan.com

 

 

MARK LANEGAN BAND
27/11/19Milano, Fabrique

Prezzi biglietti:

Posto Unico: 25,00 € + diritti di prevendita
Biglietti disponibili su ticketmaster.it, ticketone.it e in tutti i punti vendita autorizzati dalle ore 10:00 di venerdì 26 aprile

 

L’organizzatore declina ogni responsabilità in caso di acquisto di biglietti fuori dai circuiti di biglietteria autorizzati non presenti nei nostri comunicati ufficiali.

 

 

Info: www.livenation.it

Facebook Comments