THE BRINK

Nowhere To Run

Frontiers Music s.r.l.

Release date: 17 maggio 2019

 

 

Con le cuffie alle orecchie e in pieno svacco sul divano, basta poco per chiudere gli occhi e lasciarci trasportare dalla musica dei The Brink e immaginare di assistere alle prove di qualche gruppo pop punk americano ai loro primi esordi nel garage o nella cantina di uno della band in qualche paesotto americano degli anni 2000. Ma torniamo alla realtà, ciò che ci siamo immaginati non corrisponde per nulla a verità, perché si tratta invece di ragazzi inglesi dei nostri giorni, ben avviati e alle prese ora col loro primo album full-length “Nowhere To Run”. Pur essendo il primo disco d’esordio, targato Frontiers, la band di Cambridge conta già di due EP autoprodotti e ancora una volta mostra una certa maturazione musicale, non presente invece nelle band di rock alternativo americano dei primissimi tempi.

 

Avevamo già avuto modo di conoscere la band con i loro video del 2017 delle tracce che ora sono state inserite in questo nuovo album, la cui ottima produzione è stata affidata a Nick Tauber (famoso per aver prodotto nomi come Thin Lizzy, UFO, Marillion): “Never Again”, “One Night Only” e “Said And Done”, di cui abbiamo apprezzato da subito i riff semplici, ma orecchiabili e trascinanti, delle chitarre distorte.

 

“Nowhere To Run” è costituito da 14 canzoni assolutamente in armonia l’una con l’altra. Oltre alle tre citate prima, spiccano “Save Goodbye” il primo singolo, presente nella versione classica e in quella acustica come bonus track alla fine dell’album, la ballatona accattivante che sicuramente la sentiremo in veste “live”, e “Wish” dalla vocalità hard rock molto incisiva accompagnata da riff di chitarra e basi di violini, creando una amalgama molto piacevole. L’inizio del disco è però affidato a due pezzi che ti catturano per la ritmica da entrarti subito in testa: “Little Janie”, il nuovo singolo, e “Break These Chains”, entrambi presentati al pubblico con due lyric video.

 

Con “Never Again”, “Take Me Away”, “Fairytale” e “Are You With Me”, col video ufficiale, pare di sentire i Sum 41 o i Blink 182, già di per sé molto allegri e orecchiabili, ma con tinte e suoni decisamente più britannici e moderni e con armonie vocali e strumentali pazzesche, ben abbinate ai riff rockeggianti delle due chitarre, la lead di Alex Bittles e la ritmica di Izzy Trixx. L’intro di chitarra in “Don’t Count On Me” e quello in “No Way Back”, per lo più blueseggiante, spiazzano subito per la linearità e il bel effetto pulito, mentre colpisce invece la voce graffiante di Tom Quick nellla traccia n. 11 “Nothing To Fear”. “Burn” presenta toni in po’ più cupi e disperati, ma ugualmente “catchy” di bonjoviana maniera.

 

Interessante vedere come la scena musicale nel Regno Unito stia sfornando ultimamente gruppi con una loro musicalità particolare, quali gli Inglorious o i Bigfoot, a cui aggiungiamo i nuovissimi The Brink, già da tempo impegnati a farsi conoscere nel territorio nazionale, macinandosi chilometri col loro van, sperando di vederli al più presto in un tour internazionale europeo, dal momento che le loro canzoni dai ritmi pompati e le ballad rock si prestano benissimo per essere suonati dal vivo non solo in club, ma anche in hall di concerti medio-grandi.

 

 

Tracklist:

1. Little Janie

2. Break These Chains

3. Never Again

4. Save Goodbye

5. Take Me Away

6. One Night Only

7. Wish

8. Said And Done

9. Fairytale

10. Don’t Count Me Out

11. Nothing To Fear

12. No Way Back

13. Are You With Me

14. Burn

15. Save Goodbye (Acoustic) (Bonus Track Physical)

 

 

Line-up:

Tom Quick – Vocals

Lexi Laine – Lead Guitar

Izzy Trixx – Rhythm Guitar

Gaz Connor – Bass

Davide Drake Bocci – Drums

 

Link:

www.facebook.com/thebrinkband
twitter.com/thebrinkband

instagram.com/thebrinkband

Facebook Comments