THUNDER BRIGADE

Spirit Of The Night

Bagana Records

Release date: 17 maggio 2019

 

 

Thunder Brigade firmano con “Spirit Of The Night” il loro debutto discografico. Si tratta di un album fortemente radicato nel sound a stelle e strisce più classico: la musica inizia a suonare, e ci si ritrova subito immersi in ambientazioni fatte di distese desertiche, strade polverose, sole cocente e serpenti a sonagli.

 

Proprio “Rattlesnakes” è il brano di apertura, un hard rock a forti tinte blues che introduce il programma con piglio deciso. L’immediata continuazione è “Beat A Dead Horse”, dall’incedere funkeggiante e primo singolo estratto, per poi atterrare su “Redemption Road”, la prima di un trittico di ballate (le altre sono “Set your Sails” e, per l’appunto “Spirit Of The Night”), più o meno acustiche, sempre condotte dalla voce ricca di pathos di Stefano Cascioli, molto adatta al genere.

 

Purtroppo però la frenata di ritmo causata da questi tre brani stronca la crescita di intensità della scaletta, riportando tutti al via con la successiva “Boogie #7”, che con i suoi cambi di tempo restituisce un po’ di quella verve affossata dalle ballad di cui sopra, ma senza riuscire appieno nell’intento.

 

Più efficace è “Rust And Gold”, che possiede un riff che ricorsa da vicino i White Stripes, anche se il suono dei Thunder Brigade è più rotondo e pieno di quello della band dei coniugi (?) White. Il finale è infine delegato a “The Wanderer” ed all’ennesimo brano lento, “Alright in the end”.

 

“Spirit of the Night” è un esordio che emana l’energia e la voglia di musica dei suoi fautori, la cui passione per il lavoro fatto emerge chiaramente dal piglio e dalla cura con cui è stato assiemato il disco.

 

Qualitativamente siamo però in una terra di mezzo, perchè al momento quanto proposto è troppo di maniera per essere riconoscibile: i nostri si collocano in un genere in cui, se si vuole restare aderenti al clichè, sono molto poche le possibilità di essere originali nel suono, e quindi è necessario puntare sulle canzoni, che al momento sono gradevoli ma non memorabili.

 

Attendiamo quindi il terzetto alle prossime prove, per poter dare un giudizio più circostanziato di quanto non sia onestamente possibile fare oggi.

 

Tracklist

1. Rattlesnakes

2. Beat A Dead Horse

3. Redemption Road

4. Set Your Sails

5. Spirit Of The Night

6. Boogie #7

7. Rust And Gold

8. The Wanderer

9. Alright In The End

 

 

Line-up

Stefano Cascioli (voce e chitarra)

Stefano Bigoni (chitarra e lapsteel)

Stefano Lecchi (batteria e percussioni)

 

Contatti:

www.facebook.com/thunderbrigademusic

Facebook Comments
3.5