Andrea Rock, voce ufficiale di Virgin Radio Italy sin dalla nascita dell’emittente, trascorre tutta la sua vita immerso nella musica, esordendo come musicista all’età di quindici anni.

La passione di lunga data per la musica irlandese, rivisitata in chiave moderna, prende vita nel progetto solista di ANDREA ROCK, con il quale, dal 2015 ad oggi, pubblica tre dischi e diversi videoclip (“Hibernophile” LP, “Influences” EP, “This Is Home” split album con il songwriter americano Nicholas Johnson).

 

Accompagnato dal vivo e in studio dai The Rebel Poets, torna con un nuovo singolo, “FOLK PUNK ANTHEM”, da venerdì 2 agosto in tutti gli store digitali.

 

“Folk Punk Anthem” vuole essere una canzone-manifesto del Folk Punk, un sottogenere che ormai ha rappresentanti in tutto il mondo, da Frank Turner, Chuck Ragan a Tim Vantol e in generale tutti songwriters provenienti dalla scena punk che hanno imbracciato una chitarra acustica e si sono creati una carriera parallela.

 

Folk perchè spesso si raccontano storie seguendo la tradizione della musica popolare. Punk perchè il cantato e la struttura del brano seguono le caratteristiche del genere originale.

 

Non mancano nel testo di “Folk Punk Anthem” citazioni che stanno a rimarcare la passione di Andrea Rock per questo mondo musicale e le sue evoluzioni: da “If I should fall from the grace with God” e “South Australia” dei Pogues, a “The Parting Glass” e “Rocky Road to Dublin”, due brani tradizionali, il primo scozzese e il secondo irlandese, fino ad arrivare ai Ramones e a “Cotton Eye Joe”, brano folk americano datato intorno al 1861.

 

“In Folk Punk Anthem racconto quelle che sono le esperienze degli artisti che propongono questo genere, sempre in giro per il mondo, accompagnati unicamente dallo strumento e dagli amici conosciuti negli anni “on the road”. – Andrea Rock

 

“Folk Punk Anthem” si sviluppa proprio come una jam session, con i musicisti che si aggiungono ad Andrea durante la progressione del brano. L’elemento “sing-a-long” è pensato per coinvolgere il pubblico nei live e farlo diventare parte della canzone stessa.

 

Il brano è stato scritto da Andrea Rock ed è stato arrangiato dai musicisti che lo accompagnano dal vivo, riuniti sotto il nome di The Rebel Poets.

 

CREDITS:

Andrea Rock: voce, chitarra, mandolino

Lorena Vezzaro: violino

Davide Pascalis: batteria, percussioni

Angelo Merico: basso

registrato da Gianluca Veronal @ Attitude Studio – Milano

mixato e masterizzato @ IndieBox Music Hall – Brescia

Artwork by Alberto Bocca aka Graphic Sucks

 

 

Queste le prossime date live di Andrea Rock & The Rebel Poets:

10/08 Whisky a go go – Pulsano (Taranto)
20/08 Festa di Radio Onda D’Urto – Brescia w/ Frank Turner 
22/08 Bellagio in Blues – Bellagio (Como) w/ Nicholas Johnson
23/08 Cascina Bellaria Music Club – Sezzadio (Alessandria) 

All’età di vent’anni Andrea Rock inizia la collaborazione con l’emittente televisiva Rock Tv come Vj conducendo “Morning Glory”, “On The Road” e “Rocknews”. Dopo qualche anno diventa assistente di produzione e segue i diversi programmi dell’emittente dal punto di vista autorale tra i quali “Doctor Ringo”. Nel 2007 Andrea insieme a Ringo inizia la sua carriera radiofonica a Radio 105 occupandosi della parte redazionale del programma “Revolver”. Contemporaneamente nasce Virgin Radio Italy e Andrea diventa una delle voci ufficiali. Trascorre tutta la sua vita immerso nella musica, esordendo come musicista all’età di quindici anni. Pubblica diversi album con la sua punk rock band Andead e con il suo progetto solista folk punk Andrea Rock & The Rebel Poets, organizza e partecipa a concerti ed eventi musicali di beneficienza come Punk Goes Acoustic e il progetto Rezophonic. Negli anni condivide il palco con act internazionali di spessore quali Misfits, Social Distortion, Flogging Molly, Sum 41, Dropkick Murphys, Frank Turner, The Hives, solo per citarne alcuni. Spazia tra i generi musicali, dal metal al punk, passando per il crossover e l’hardcore. Cantante, chitarrista, bassista.

 

Facebook / Instagram / YouTube / Web

Facebook Comments