Per creare un fronte unito contro il razzismo, la xenofobia e la discriminazione e sostenere l’unione e l’uguaglianza in tutto il mondo, Lenny Kravitz si è unito al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite per la pubblicazione del singolo “Here To Love (#FightRacism)”.

 

Il video, diretto da Lenny Kravitz, vuole celebrare la diversità mostrando l’unione fra le persone di tutto il mondo. Si tratta del debutto di Lenny come regista, e il video ha un messaggio importante che lo stesso artista porterà in giro per il mondo per tutto il 2020 grazie al suo Here To Love Tour 2020 che partirà in primavera.

 

Oggi, 10 dicembre, Giornata mondiale dei diritti umani, Lenny Kravitz condivide una nuova versione del suo brano “Here To Love”. La versione originale è contenuta nell’undicesimo acclamatissimo album dell’artista Raise Vibration. Dando ancora maggiore risalto a un messaggio di amore e inclusività, la legenda del rock che ha vinto ben 4 Grammy Awards si è unito al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite in supporto a #FightRacism, una campagna che promuove l’uguaglianza, la tolleranza e la diversità.

 

 

“Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti”. “Here To Love” riconferma questo principio universale.

“Here To Love” sarà la colonna sonora della campagna #FightRacism del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, che proseguirà per tutto il 2020 e oltre.

 

Per ulteriori informazioni, visita la pagina #FightRacism su www.standup4humanrights.org e www.ohchr.org

L’Art. 1 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani dice “Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti”. “Here To Love” riconferma questo principio universale e lancia l’appello di Kravitz: “We must all unite for we are one creation, we must join the fight, together we are strong, we must do what’s right in every situation, love each other’s lives as you would do your own”.

Guarda il videomessaggio registrato da Lenny per celebrare l’importante collaborazione

Facebook Comments