L’ultima volta che abbiamo avuto la fortuna di assistere ad un concerto dei Bonfire in Italia è stato a Clusone nell’estate del 2016. Più che per la famosa serie di rigori, nei quarti di finale dell’europeo, quella sera sarà ricordata (da chi era presente) per l’annuncio di David Reece (al momento frontman della band) che quella sarebbe stata la sua ultima data con i Bonfire. Un fulmine a ciel sereno che, a giudicare dalle facce degli altri membri del gruppo, arrivò sicuramente inaspettato. A tre anni di distanza ci ritroviamo ad un loro live nella meravigliosa cornice dello Slaughter Club di Paderno Dugnano. Ad aggiungere ulteriore interesse alla serata Rock Your Xmas Fest, la presenza di tre tra le migliori band italiane in ambito hard rock melodico.

 

Con puntualità svizzera sono i Saints Trade ad aprire questa bellissima kermesse. La band di Bologna presenta questa sera il loro nuovo album intitolato “Time To Be Heroes” e subito si rimane colpiti dalle nuove composizioni. Il loro sound, potente e dotato di una ritmica trascinante, riesce a miscelare l’hard & heavy con il tipico sleazy di matrice scandinava. Grazie a suoni davvero buoni riescono a rendere al meglio canzoni come i nuovi singoli “Livin’ To Rock” e “Higher” (cantata in coppia con la bella e brava Maryan), “Inside” (tratto da “Robben In Paradise” del 2015) e la conclusiva “Born Hunter (Not The Prey)”. Divertenti, diretti e con un lotto di pezzi dai refrain catchy i Saints Trade convincono tutti. Davvero bravi!

 

Pochi minuti e sono i veterani Wheels Of Fire ad allietarci con il solito grande show. Lo spessore delle loro composizioni e del loro hard rock melodico di eccelsa fattura ci permette di gustare in maniera divina le varie “Scratch That Bitch”, “Tonight Belongs To You” e la ballad “For You” (pezzo che riesce ad emozionare dalla prima all’ultima nota). Band affiatata e un Dave “Rox” Barbieri in perfetta forma portano a termine il loro compito con la consueta bravura e simpatia. Quando l’accoppiata finale “Done For The Day”/”Pain” ci riversa addosso le ultime sferzate di adrenalina non ci resta che applaudire a scena aperta. Grandissima band!

 

 

Manca poco al clou della serata. Ma prima del piatto forte sono i maestosi Soul Seller a regalarci ancora emozioni. La band, come nelle svariate svolte in cui abbiamo presenziato ai loro show, ci cattura con il suo hard rock di classe. Superato qualche problemino tecnico dopo il secondo pezzo, i ragazzi non si sono lasciati scoraggiare e hanno dato il loro meglio. Tra i pezzi estratti da “Matter Of Faith” (tutti eseguiti con la consueta raffinatezza) ci colpiscono l’iniziale “Neverding” e “Tie Is Down” in quanto la precisione di esecuzione e la loro capacità di creare un muro sonoro di tutto rispetto ne amplificano l’impatto. C’è tempo per due pezzi nuovi (“One Wasted Paradise” e “Diamonds Rain”) che finiranno nel loro prossimo lavoro (e se il buon giorno si vede dal mattino l’album potrebbe essere una bomba), prima che la radiosa “Wings Of Freedom” chiuda la loro performance. Che dire? Grandiosi, e non è una novità.

 

 

Non mancano che i Bonfire. Sulle note dell’intro “In The Beginning” fanno il loro ingresso alla spicciolata sul palco e da “Temple Of Lies” in poi sarà puro idillio. Quello che colpisce immediatamente è la potenza che la band è in grado di sprigionare. Più che hard rock si sente il taglio nettamente heavy che i Bonfire inseriscono nelle loro canzoni. Tutto questo è merito della sezione ritmica con Ronnie Parkes (basso) e del mirabolante Andrè Hilgers (ex Rage, Silent Force e Sinner) alla batteria, ad imporre il loro straordinario ritmo. Frank Pané e Hans Ziller poi costituiscono una coppia d’asce perfettamente affiatata ed è un piacere vederli avvicendarsi solo dopo solo. Ma quello che ci ha entusiasmato maggiormente è stato il singer Alexx Stahl. Grande frontman e soprattutto dotato di una voce incredibile. I suoi acuti ci hanno lasciato più volte a bocca aperta (anche se per onore di cronaca bisogna dire che qualche effetto lo ha utilizzato), dando una nuova veste ai loro cavalli di battaglia come “Don’t Touch The Light”, “Hard On Me”, “American Nights”, “SDI” e “Give It A Try” (giusto per citarne alcune).

 

La scaletta oltre ai pezzi storici ci propone “Stand Od Fall”, “Temple Of Lies” e “Crazy Over You” dal loro ultimo lavoro e un lotto di altri pezzi tra i quali spicca la cover di “Burning Heart” de Survivor (dal loro doppio cd di cover “Legends” del 2018). Quando il due “You Make Me Feel”/”Champion” chiude il loro spettacolo non ci siamo accorti che sono passate quasi due ore. 20 pezzi eseguiti in maniera divina e trascinante come poche volte ci è capitato. I Bonfire da perfetti professionisti hanno portato a termine il loro show e il pubblico (non troppo numeroso per dire la verità) ha loro tributato calorosi applausi durante tutta la sua durata.

 

Si conclude quindi nel migliore dei modi questo Rock Your Xmas Fest. Tutta l’organizzazione è stata perfetta assicurando ai partecipanti un grande evento. Di questo bisogna rendere atto alla Burning Minds Music Group, allo Slaughter Club e alla Etrurian Legion Promotion che con il loro lavoro hanno permesso che tutto questo si realizzasse. Un grazie anche ai Saints Trade, ai Wheels Of Fire e ai Soul Seller che oltre ad aver suonato in maniera paradisiaca tengono alto il vessillo dell’hard rock made in Italy.

 

Un caloroso saluto anche ai partecipanti e a voi lettori, buone feste e ricordatevi di seguirci anche nell’anno venturo.

 

 

Bonfire “Set List”:

1. Temple Of Lies

2. Never Mind

3. Don’t Touch The Light

4. Under Blue Skies

5. Praying 4 A Miracle

6. Lonely Nights

7. Give It A Try

8. Hard On Me

9. Crazy Over You

10. Sword And Stone

11. Stand Or Fall

12. Burning Heart

13. American Nights

14. Tony’s Roulette

15. Can’t Break Away

16. Sweet Obsession

17. S.D.I.

18. Ready For Reaction

Bis

19. You Make Me Feel

Bonfire

Soul Seller

Wheels Of Fire

Saints Trade

Facebook Comments