RØSENKREÜTZ

Divide et Impera

Opal Arts/Andromeda Relix

Release date: 21 marzo 2020

 

 

Dopo una lunga gestazione è uscito lo scorso 21 marzo “Divide et Impera”, l’attesissimo disco dei Røsenkreütz, a cinque anni di distanza dall’album d’esordio “Back To The Stars” del 2014, ed è stato presentato col teaser esattamente un giorno prima della sua pubblicazione: anche questo nuovo lavoro prosegue a livello musicale il processo melodico e strutturale delle canzoni in vero stile neo progressive rock, che mostra un crossover tra i vecchi elementi del prog classico di origine settantiana inglese e le influenze più moderne dei nostri giorni. Ne nasce così un concept album costituito da otto capitoli dello stesso libro, da otto tracce ben distite tra di loro, tutti incentrate sul tema del “controllo” (dal motto latino “divide et impera” appunto), prensentandone in maniera introspettiva e personale le tematiche e i punti di vista più disparati di un discorso più ampio.

 

La band di questo progetto solista del polistrumentalista e produttore Fabio Serra presenta la stessa line-up che si è formata nel tempo già a partire di “Back To The Stars” e si avvale di ospiti d’eccezione, tra cui figure importanti nel panorama della musica classica moderna italiana, quali gli Evequartett, e Daniela Pase nei cori aggiuntivi e il rapper londinese Flamma; il tutto è stato condito dalla sapiente arte del missaggio di Enrico Pinna nei Quadra Studios di Londra, mentre il mastering è stato affidato ad Andrea “Bernie” De Bernardi presso i suoi Eleven Mastering Studios. Anche stavolta per questo nuovo album, la voce solista è quella di Max Piubelli, cantante della band prog Methodica (per la quale era stata affidata a Fabio Serra la produzione del loro album di esordio “Searching for Reflections” del 2009).

 

Il disco, coprodotto con Opal Arts e Andromeda Relix e distribuito da GT Music, è della durata di poco più di un’ora e presenta elementi progressive anche per via della durata delle canzoni; per quanto, per certi versi, l’impostazione musicale sia prettamente settantiana, le prime due tracce presentano elementi decisamenti rock degli Anni Ottanta: l’attacco di tastiera di “Freefall” ha palesi richiami e similitudini con “Jump” dei Van Halen e pure il ritornello rimanda alla pop music ottantiana. Con “Imaginary Friend”– a parte l’intro di chitarra solista rimasto negli anni ’80- si entra invece nella pura essenza del prog, sia a livello strumentale che vocale. La morbidezza della voce, accompagnata dagli strumenti, in “The Candle In The Glass” ha dell’incredibile, così come la semi ballad “Aurelia”, forse uno dei pezzi più atmosferici e pregni di sentimenti sull’album.

 

Torna la psichedelia settantiana in “I know, I know”, mentre “True Lies” è un buon sano rock’n’roll a noi caro, con un ritornello decisamente memorizzabile e accattivante. “Sorry And” mostra una vena malinconica per la sua struttura da ballata; infine chiude l’opera la traccia più lunga di tutte, di ben oltre 15 minuti, “The Collector”, la maestosa prog per livello strumentale dalle sfumature musicali più variegate, un po’ upbeat crossover.

 

In conclusione, “Divide et Impera” è un’opera eccellente le cui tracce sono ben posizionate in una struttura musicale stabile, che permette all’ascoltatore di venire rapito e riportato indietro nel tempo fino agli albori del prog ma con un touch di mordernità che piace tanto ai fan devoti della musica progressive!

 

 

Tracklist:

1. Free-fall

2. Imaginary Friend

3. The Candle in the Glass

4. I Know, I Know

5. Aurelia

6. True Lies

7. 7. Sorry And

8. The Collector

 

 

Line-up:

Fabio Serra – guitars, keyboards, vocals

Gianni Brunelli – drums, percussion

Gianni Sabbioni – bass, Chapman stick

Massimo Piubelli – lead vocals

Carlo Soliman – piano, keyboards

Eva Impellizzeri – viola, keyboards, vocals

Evequartett – strings

Daniela Pase – backing vocals

Flamma – vocals

 

 

Link:

rosenkreutz.net
facebook.com/rosenkreutzband

Facebook Comments
4