Trick Or Treat

The Legend Of The XII Saints

Scarlet Records

Release date: 24 Aprile 2020

 

 

A distanza di 2 anni da Re-Animated (album di cover di cartoni animati finanziato tramite Musicraiser) e di 4 anni da “Rabbits’ Hill Part II”, esce (il 24 Aprile tramite Scarlet Records) il tanto atteso “The Legend Of The XII Saints”. Come i fan di lunga data sapranno, questo nuovo lavoro è un concept ispirato dalla serie di anime “Saint Seya” (trasmesso sui nostri palinsesti col nome “I Cavalieri Dello Zodiaco”). Nel cimentarsi in questo nuovo capitolo della loro discografia i Trick Or Treat hanno profuso anima e corpo per realizzare un prodotto che rispecchia in pieno le loro grandi capacità.

 

Basare l’intero album su un argomento complesso come un concept è un’impresa molto complicata in quanto il filo conduttore delle canzoni, sia a livello di lyrics che a livello prettamente musicale, deve svolgersi dando sempre un senso di continuità. Bisogna dire che Alle a soci ancora una volta riescono a colpire nel segno donando ad ognuna delle composizioni di “The Legend Of The XII Saints” una vita a sé stante pur mantenendo un filo logico nello svolgimento della storia. La loro maestria si era già manifestata con i due capitoli di “Rabbits Hill”, ma in questo nuovo si scorge un ulteriore passo in avanti.

 

Dopo l’intro “Ave Athena” colpisce subito “Aries” con la loro classica powerata. Piede a martello sull’acceleratore, sezione ritmica lanciata come una locomotiva senza freni, il solo ipermelodico e il ritornello in pieno stile Helloween (la linea melodica ci riporta in mente “Ride The Sky”), ne fanno un pezzo granitico e trascinante. Il fattore velocità è sempre predominante ma viene sapientemente incanalato in pezzi sempre brillanti e, cosa sempre importante, senza il bisogno di autocitarsi. “Gemini” (tra i pezzi migliori) è impreziosita dal duetto con Yannis Papadopoulus (Beast In Black) e dall’ottimo bilanciamento tra parti più operistiche e altre più classicamente power. “Leo” impone un ritmo da headbanging selvaggio riportando in mente i fasti dei primi lavori, dove refrain e la grande voce di Conti la fanno da padrone. Su “Scorpio” i cambi di tempo e le vampate di energia in pure stile Dragonforce entusiasmano dalla prima all’ultima nota.

 

Se “Capricorn” e “Aquarius” ci mostrano ancora i Trick Or Treat nel loro classico stile certo si rimarrà stupiti dall’epicità e dalle atmosfere oscure di “Taurus”. Parti che si ripresentano in “Cancer”, dove l’estro di Alessio Lucatti enfatizza il passaggio da scenari solari a scenari pesanti e densi di pathos. Altra song dove il contributo delle tastiere si fa interessante è “Virgo” dove le sensazioni opprimenti e sulfuree pervadono il brano (ottimo il pianoforte posto in chiusura). Altro pezzo stratosferico è poi “Libra” dove un filo folk nella melodia si evolve in una cavalcata di rara bellezza, impreziosita da un ritornello esplosivo e da un solo di pregevole fattura. Non mancano i pezzi più densi di melodia. La semi-ballad “Sagittarius” e l’ispiratissima “Pisces” hanno come comune denominatore un Alle stratosferico, la grande cura per i cori e un songwriting di primo livello. L’acustica “Last Hour” chiude con un filo di malinconia un lavoro dalle molteplici qualità.

 

“The Legend Of The XII Saints” è un album ambizioso frutto della grande passione che i Trick Or Treat hanno nei confronti degli argomenti trattati e nel loro modo di riproporli in musica. In ogni caso ne escono vincitori essendo riusciti a creare un lavoro che è al 100% farina del loro sacco.

 

 

Track List

01 Ave Athena

02 ARIES Stardust Revolution

03 TAURUS Great Horn

04 GEMINI Another Dimension

05 CANCER Underworld Wave

06 LEO Lightning Plasma

07 VIRGO Tembu Horin

08 LIBRA One Hundred Dragons Force

09 SCORPIO Scarlet Needle

10 SAGITTARIUS Golden Arrow

11 CAPRICORN Excalibur

12 AQUARIUS Diamond Dust

13 PISCES Bloody Rose

14 Last Hour (The Redemption)

 

 

Line Up

Alessandro Conti – lead vocals

Guido Benedetti – guitars

Luca Venturelli – guitars

Leone Villani Conti – bass

Luca Setti – drums

 

Special Guest

Yannis Papadopoulos – vocals (track 04)

Alessio Lucatti – keyboards

 

 

Link:
facebook.com/trickortreatband

 

Facebook Comments
5