E se a vedere uno spettacolo ci andassimo in bicicletta? Da un’idea di Fresh Agency, Live Club e Shining Production, nasce Bike-In.

Cos’è?

È il drive-in in bicicletta, l’alternativa davvero green al tanto discusso drive-in, tornato agli onori della cronaca come soluzione per fronteggiare l’emergenza Covid-19, nel settore dello spettacolo e dell’intrattenimento.

Fresh Agency, Live Club, e Shining Production, tre realtà con un curriculum ultra-ventennale nel mondo dello spettacolo, propongono una soluzione che, oltre a essere stata pensata per offrire la massima sicurezza allo spettatore, garantendo il necessario distanziamento sociale, risponde a un’esigenza divenuta, allo stato attuale, una necessità impellente, tanto da essere a gran voce richiesta anche dalle istituzioni: ripensare le nostre abitudini quotidiane nel rispetto crescente del nostro ambiente.

 

La bicicletta diviene protagonista e mezzo essenziale per ritrovarsi e condividere un’esperienza. Concerti, cinema, spettacoli teatrali, eventi sportivi, fino ad arrivare agli appun-tamenti didattici o addirittura alle funzioni religiose, vengono ripensati per offrire momenti di piacere e di svago in fasce serali e preserali, in forma ridotta, eppure piena e completa.

 

Bike-in è Green, Safe, Social e Smart.

 

Green: sono esperienze appositamente pensate per godere degli spazi all’aria aperta, per en-trare in contatto con i polmoni verdi delle nostre città, lasciando alle spalle il senso di claustro-fobia dovuto al lockdown. Gli spazi dedicati sono luoghi raggiungibili su due ruote, in cui lo spettato-re avrà il suo proprio spazio delimitato, funzionale e personalizzabile (SPOT).

 

Safe: la bicicletta permette di mantenere il corretto distanziamento sociale sia nella fase di arrivo e di entrata sia nella fase di uscita. Gli spazi, inoltre, saranno tutti organizzati in piena regola con le normative vigenti.

 

Smart: ognuno avrà il suo spot: lo spazio privato, tutto da personalizzare tramite app, in cui potersi muovere, rilassarsi, godersi il momento nella sua pienezza. Lo spot sarà singolo, dop-pio, per famiglie o anche in versione premium per qualche comodità in più. Ci si potrà sedere, sdraiarsi, ballare o saltare, si potrà ordinare da bere e da mangiare e guardare lo spettacolo in tutta serenità.

 

Social: il pubblico è immerso nelle luci, nei suoni, nella totale partecipazione della platea.

 

Artisti e pubblico insieme condividono l’esperienza di un’idea di intrattenimento ecologico, si-curo, senza fronzoli, fruibile, che mette in primo piano l’esigenza di tornare a condividere, di tornare a vivere, dopo un periodo di paure e restrizioni, nel rispetto completo verso se stessi, gli altri e l’ambiente.

 

In aggiunta, con Bike-In sono attivi anche i servizi streaming e delivery, dedicati a coloro che non possono spostarsi da casa. Tramite l’app, infatti, l’evento sarà disponibile in live strea-ming, inoltre sarà possibile ordinare al proprio domicilio food&beverage, per vivere e condivi-dere il momento anche a distanza.

 

Bike-In risponde all’oggettiva necessità per far fronte un’emergenza: evolvere e reagire in mo-do intelligente. Spostando in avanti la linea del progresso e varcando nuovi orizzonti, Bike-In continua a portare cultura, svago e divertimento, garantendo la sopravvivenza di un settore che in questo momento storico risulta fra i più penalizzati, eppure necessario per ripristinare in ognuno di noi la voglia di vivere, stare insieme e continuare a condividere esperienze fatte di arte, cultura e creatività.

 

Bike-In è “slow”, una nuova dimensione che incentiva la replica di iniziative culturali dal vivo in diversi momenti della giornata, favorendo l’uso dello spazio pubblico all’aperto e consenten-do agli organizzatori di rispettare i criteri di distanziamento e contingentamento del pubblico. La formula Bike-In si presta per replicarsi in più aree, facilmente raggiungibili in bicicletta ed è quindi propedeutica allo sviluppo di una nuova mobilità cittadina, che andrà sempre più verso l’utilizzo di piste ciclabili aree pedonali.

 

Grazie alla sua natura modulabile, Bike-In è un progetto che si presta ad adattarsi a molti ter-ritori. Attualmente, fra le prime location e città ideali alle quali abbiamo pensato ci sono quelle in cui già operiamo da molti anni e che hanno da sempre mostrato estrema attenzione per la cultura, per lo spettacolo e l’ambiente, tanto da essere già dotate di aree verdi e circuiti ciclo-pedonali. Fra queste, Mantova, Milano, che è la nostra sede, e i suoi comuni in provincia. In particolar modo Novegro, con il suo Parco Espozioni in cui si sarebbe svolto per la prima volta l’Urban Park Milano e l’Isola del Castello di Legnano, già sede del Rugby Sound Festival, appuntamento estivo di cui siamo protagonisti da anni.

 

Tutte le info a questo link: www.bike-in.it/presentazione

 

PDF Embedder requires a url attribute

Facebook Comments