Billie Eilish, la giovane cantautrice da record (come ai Grammys 2020), conferma il suo talento innato nel comunicare attraverso la musica. Poche ora fa ha pubblicato un cortometraggio scritto e prodotto da lei stessa contro il body shaming dove si rivolge agli haters e spinge tutti a ragionare bene sulle conseguenze prima di fare un commento sui social. 

 

Il video intitolato ‘Not My Responsibility’, presentato per la prima volta nel marzo scorso, durante il tour Where Do We Go?, e ora disponibile su youtube e sui canali social dell’artista, mostra Billie Eilish  che si spoglia lentamente da una felpa con cappuccio a un reggiseno, prima di immergersi in un oscuro mare. In sottofondo si sente un beat elettronico che fa da sottofondo  alla sua voce fuori campo che si rivolge agli spettatori. La giovane artista risponde a chi la critica per il modo in cui si veste e per il suo corpo, lei che in passato ha confessato le sue insicurezze riguardo al suo corpo, iniziate sin da bambina, ma lo scopo di questo video è anche quello di mandare un messaggio a tutte le ragazze che devono vedersela quotidianamente con i pregiudizi, i commenti pesanti nei social.

 

 

“Mi conosci? Mi conosci davvero? Hai opinioni sulle mie opinioni, sulla mia musica, sui miei vestiti, sul mio corpo. Alcune persone odiano ciò che indosso, alcune lo lodano, alcune lo usano per prendere in giroaltri, alcune persone lo usano per vergognarmi, ma sento che guardi sempre e nulla di ciò che faccio rimane invisibile. Quindi, mentre sento i tuoi sguardi, la tua disapprovazione o il tuo sospiro di sollievo, se vivessi vicino a loro non sarei mai in grado di muovermi… Il mio valore è basato solo sulla tua percezione? O la tua opinione su di me non è una mia responsabilità? ”

 

Do you know me?
Really know me?
You have opinions
About my opinions
About my music
About my clothes
About my body
Some people hate what I wear
Some people praise it
Some people use it to shame others
Some people use it to shame me
But I feel you watching
Always
And nothing I do goes unseen
So while I feel your stares
Your disapproval
Or your sigh of relief
If I lived by them
I’d never be able to move
Would you like me to be smaller?
Weaker?
Softer?
Taller?
Would you like me to be quiet?
Do my shoulders provoke you?
Does my chest?
Am I my stomach?
My hips?
The body I was born with
Is it not what you wanted?
If I wear what is comfortable
I am not a woman
If I shed the layers
I’m a slut
Though you’ve never seen my body
You still judge it
And judge me for it
Why?
We make assumptions about people
Based on their size
We decide who they are
We decide what they’re worth
If I wear more
If I wear less
Who will decides what that makes me?
What that means?
Is my value based only on your perception?
Or is your opinion of me?
Not my responsibility

 

Facebook Comments