I The Struts tornano con un nuovo singolo. Il brano, già disponibile negli store digitali, si intitola “Strange Days” e ad accompagnare la band inglese un connazionale d’eccezione, Robbie Williams

 

“Strange Days” non è però solo il titolo del nuovo singolo ma sarà anche quello del nuovo album atteso per il prossimo 16 ottobre.

 

Nel disco, oltre a “Strange Days” con Robbie Williams e al brano già pubblicato “Another Hit Of Showmanship” con Albert Hammond Jr degli Strokes (un’altra commovente performance di Spiller), collaborazioni con Tom Morello dei Rage Against The Machine (“Wild Child”), Joe Elliott e Phil Collen dei Def Leppard in “I Hate How Much I Want You” e una cover dei KISS (“Do You Love Me”).

 

Il singolo, così come tutte le canzoni del disco, sono il risultato del blocco forzato causato dalla pandemia ma nasce da un’idea che era venuta a Luke Spiller sul tour bus durante l’ultimo tour. 

 

“Stavo girando Quarantine Radio e Robbie mi ha contattato all’improvviso chiedendomi se potevamo parlareracconta Luke Spiller, frontman degli Struts parlando dell’Instagram Live show lanciato dalla band durante il lockdown – e abbiamo finito per videochiamarci per circa due ore la prima volta, parlando della vita, della musica, degli UFO e di tutto ciò a cui si può pensare. Gli ho chiesto se gli sarebbe piaciuto lavorare insieme e, mentre stavamo facendo l’album, ci ha gentilmente permesso di venire a registrarlo mentre cantava sulla sua veranda”

 

Dal canto suo Robbie Williams è stato ben felice di questa collaborazione: è stato un piacere e un privilegio sentire quest’uomo cantare. È bello essere fan di qualcuno e poi essere parte di questo brano. È come avere un eroe qui, lo dico davvero”.

 

Il disco, prodotto e registrato nello studio di John Levine a Los Angeles (che aveva già lavorato con la band al precedente album “Young & Dangerous”) è stato mixato da Claudius Mittendorfer (Panic! At the Disco, Arctic Monkeys, Johnny Marr degli Smiths). Il risultato è un album elettrizzante che porta la glam rock band verso nuove ed emozionanti nuove vette.

 

È stato molto divertente registrare questo disco in questo modo piuttosto che lavorare durante il tour con diversi produttori in diversi paesi” – racconta Spiller che ha poi aggiunto “volevamo catturare il più possibile quell’eccitazione e in alcune occasioni sembrava che le canzoni piovessero dal cielo. Sono stati 10 giorni magici per noi e speriamo che quando le persone ascolteranno il disco sentiranno anche loro questa magia”. 

 

Nati a Derby in Inghilterra, The Struts sono formati da Luke Spiller (voci), Adam Slack (chitarra), Jed Elliott (basso) e Gethin Davies (batteria) e hanno all’attivo due album: il disco di debutto del 2016 “Everybody Wants” e il secondo album del 2018 “Young & Dangerous”.

 

Definiti da Dave Grohl come “la miglior band di apertura che i Foo Fighters abbiano mai avuto”, in pochi anni, The Struts sono stati felicemente accolti dalle più grandi icone della music rock-and-roll mondiale. Oltre ad essere stati opening act di gruppi quali Rolling Stones, The Who e Guns ‘N’ Roses, the Struts sono stati scelti da Mötley Crüe come supporter dei loro ultimi concerti.  

 

È live che i The Struts danno il meglio di sé ed è impossibile uscire da un loro concerto senza aver ballato e cantato tutta la sera, come dimostrano le folle festanti che li hanno accompagnati durante le tappe in festival prestigiosi come il Lollapalooza, il Governors Ball, Bottle Rock e Isle of Wright. La band ha suonato diverse volte nel nostro paese, registrando date tutte sold out, e lo scorso anno si è esibita nella prestigiosa cornice del Firenze Rocks davanti ad oltre 40.000 persone.

Si comunica che il tour italiano dei THE STRUTS programmato per lo scorso luglio è cancellato e non potrà essere recuperato.
 
La band avrebbe dovuto esibirsi in tre concerti nel nostro Paese:
– 12 luglio 2020 Rock in Roma
– 14 luglio 2020 Padova Gran Teatro Geox
– 15 luglio 2020 Brescia Arena Campo Marte 

Live Nation sta lavorando per portare The Struts in Italia nel 2021.

 
In ottemperanza al decreto-legge 19 maggio 2020 n. 34, convertito con modificazioni dalla legge 17 luglio 2020 n. 77 e chiariti i termini della sua applicazione, siamo a confermare la possibilità di richiedere il rimborso monetario per i tre show cancellati.
 
Le richieste di rimborso potranno essere inviate al sistema di vendita in cui si è effettuato l’acquisto del biglietto, a partire dal 18 settembre 2020 e non oltre il 17 ottobre 2020.
 
Per maggiori informazioni sull’ottenimento del rimborso visitare le pagine: 

Facebook Comments