Metal Church

Classic Live

Reaper Entertainment

Release Date: 16 ottobre 2020

 

 

Evviva! Il nuovo album dei Metal Church è appena uscito! OK, non è proprio un nuovo album, ma con i tempi che corrono, siamo sempre più grati di una nuova pubblicazione dal mondo della musica e, nello specifico, dalla “chiesa del metal”. Ebbene, dopo l’album in studio “From the Vault” dello scorso aprile 2020, che contiene 5 b-side del disco “Damned If You Do” di due anni fa, tre cover e un paio di tracce live in Giappone, ecco la volta del live “Classic Live”, album prodotto dal chitarrista Kurdt Vanderhoof, membro originale della band e già uscito in aprile 2017, il cui materiale proviene dal tour di “XI” del 2016, che segna il ritorno nella band del vocalist Mike Howe dopo vent’anni, riportando in auge la popolarità della band californiana andata scemando da qualche tempo.

 

Questo è infatti il primo live dal “Live In Japan” del 1998 e primo live con Howe al microfono, in cui i Metal Church hanno voluto dare omaggio ai loro classici dell’epoca, che sono stati musicati e cantati sia per il tour nordamericano con gli Armored Saint, Amon Amarth, Suicidal tendencies, Butcher Babies e come gruppo spalla ai Megadeth per il tour di “Dystopia”, oltre ai vari festival estivi in Europa, tra cui l’Alcatraz Metal Festival, il Wacken Open Air, il Dynamo Open Air, il Rock Hard Festival e l’Helfest tra gli altri, dove abbiamo avuto modo di riassaporare la carica e la potenza di questa band di metal americano conosciuta nei tempi d’oro. Ricordiamo pure che proprio durante il tour di “XI” il chitarrista Rick Van Zandt si è duvuto temporaneamente assentare per via di un intervento d’urgenza per distaccamento di retina ed è stato sostituito da turnisti d’eccezione: Chris Caffery dei Savatage e Paul Kleff.

 

Dare il titolo dell’album come “Classic” implica una lista di nove successi old school, che vanno dall’omonimo album di debutto del 1984 fino a finire a “Hanging In The Balance” del 1993 con tutto quello che si trova in mezzo; ogni traccia presa da ogni singolo album del passato è stata scelta oculatamente per poi essere eseguita alla perfezione e senza una pecca. In ordine cronologico partiamo da “Beyond the Black”, che è anche la prima track dell’album, passiamo poi a “Watch The Children” e “Start The Fire” da “The Dark” del 1986, a “Badlands” da “Blessing In Disguise” del 1989, “With Poverty”, “In Mourning” e “Human Factor”  da “The Human Factor” del 1991, infine a “Gods Of A Second” e “No Friend of Mine” da “Hanging in the Balance” del 1993.

 

Dunque, questo disco autentico dal vivo dall’eccellente suono e dall’ottima produzione ci presenta nuovamente i Metal Church come una band unita e solida e che metterà d’accordo sia i vecchi che i nuovi fan della band, che saranno entusiasti della reunion di Howe con la band e che avranno modo appunto di apprezzare i cavalli di battaglia anche dopo tre decadi da quando sono stati pubblicati.

 

Tracklist:

1. Beyond the Black

2. Date With Poverty

3. Gods Of A Second

4. In Mourning

5. Watch The Children

6. Start The Fire

7. No Friend of Mine

8. Badlands

9. Human Factor

 

 

Current Line-up:

Mike Howe – Vocals

Kurdt Vanderhoof – Rhythm & Lead guitar

Rick Van Zandt – Lead & Rhythm guitar

Stet Howland – Drums

Steve Unger – Bass, Backing Vocals

 

Line-up per la registrazione di “XI” e durante il tour del 2016:

Steve Unger – bass

Jeff Plate – drums

Mike Howe – Vocals

Kurdt Vanderhoof – Rhythm & Lead Guitars

Rick Van Zandt – Lead & Rhythm Guitars

Touring Guitars:

Paul Kleff – Lead & Rhythm Guitars

Chris Caffery – Lead & rhythm Guitars

 

 

Link:

metalchurchofficial.com
reverbnation.com/metalchurchofficial
twitter.com/metalchurchis1
instagram.com/MetalChurchOfficial

 

Facebook Comments
3.5