Per celebrare il ventesimo anniversario del loro capolavoro alt-metal “White Pony”, i Deftones ripubblicano l’album in un’edizione speciale che include un secondo album di remix intitolato “Black Stallion”. “Black Stallion” vede la partecipazione di un ecclettico cast di artisti che riflette l’impatto che “White Pony” ha avuto nel mondo del metal, hip-hop, indie ed elettronica. “White Pony (20th Anniversary Edition)” è in uscita su etichetta Reprise / Warner Records l’11 dicembre in 2 CD (cover rossa in allegato) e digitale, il 26 febbraio in edizione Deluxe LP + CD box set (4 lp+2cd), il 16 aprile in 4 LP.

 

 

I Deftones offrono un primo assaggio di “Black Stallion” con la rivisitazione di “Knife Prty” realizzata dal guru anticonformista del synth-pop.

 

ASCOLTA QUI IL PURITY RING REMIX DI “KNIFE PRTY”

 

“White Pony / Black Stallion” è disponibile da oggi in pre-order QUI.

 

Tra gli altri artisti coinvolti: Robert Smith dei The Cure, DJ Shadow, Mike Shinoda dei Linkin Park, Phantogram, lo sperimentatore elettronico Squarepusher, il maestro dei beat Clams Casino, il produttore Salva e Blanck Mass, per citarne alcuni. I semi per “Black Stallion” sono stati piantati nel 2000 durante la realizzazione di “White Pony”. Ispirati dalle prime opere collegiali di Shadow, inizialmente i Deftones avevano pensato di affidare a lui l’intero remix di “White Pony”. Il piano non andò mai in porto… 20 anni dopo Shadow è diventato il fulcro del roster che la band ha riunito per “Black Stallion”. Prima ancora di dare una nuova prospettiva ad un album ormai divenuto un classico della storia della musica, “Black Stallion” rappresenta il manifesto definitivo di una band che ha influenzato generi e artisti di ogni estrazione.

 

Mentre “White Pony (20th Anniversary Edition)” offre l’opportunità ai Deftones di riflettere sulla loro eredità, la band continua a guardare avanti e ad esplorare nuove possibilità in ambito metal. Lo scorso mese ha pubblicato il nono album in studio dal titolo “Ohms”, subito accolto con grande clamore sia dal pubblico che dalla critica. L’album ha debuttato nella Top 5 della classifica Billboard Top 200, diventando il quarto album dei Deftones ad ottenere tale risultato e il sesto ad entrare direttamente nella Top 10.

 

Cavalcando la scia di “Ohms”, i remix di “Black Stallion” consolidano ulteriormente la reputazione di una band che pensa sempre al futuro anche quando guarda al passato.

 

BLACK STALLION TRACKLIST:

 

1. Feiticeira (Clams Casino remix)

2. Digital Bath (DJ Shadow remix)

3. Elite (Blanck Mass remix)

4. Rx Queen (Salva remix)

5. Street Carp (Phantogram remix)

6. Teenager (Robert Smith remix)

7. Knife Prty (Purity Ring remix)

8. Korea (Trevor Jackson remix)

9. Passenger (Mike Shinoda remix)

10. Change (In the House of Flies) (Tourist remix)

11. Pink Maggit (Squarepusher remix)

 

 

www.deftones.com

instagram.com/deftones

facebook.com/deftones

twitter.com/deftones

youtube.com/deftones

Facebook Comments