Julia And The Roofers

“The Will Of Evil”

Diamonds Prod.

Release date: 7 Gennaio 2021

 

 

Nuovo e interessante progetto quello che vede coinvolti Marco “Peso” Pesenti (Necrodeath), Emilio “Ranza” Ranzoni (The Beatzone) e la bravissima Giulia Moladori (Hermits, tributo ai Led Zeppelin). Il fantastico trio Julia And The Roofers, già attivo dal 2018, giunge alla tappa del primo full lenght proponendo un lavoro che parzialmente si rifà al grunge anni ’90, ma non disdegna spunti originali e alcune inflessioni alla The Beatles. Quello che emerge sin dal primo ascolto è la grande preparazione dei musicisti coinvolti, che però non mette mai in secondo piano il contributo di Julia. Anzi, la voce della cantante, profonda, espressiva, potente e versatile le consente di graffiare quando deve, ma anche di essere delicata o evocativa quando il pezzo lo richiede.

 

L’opener “River” sembra uscita dall’estro di Jerry Cantrell. Le melodie paranoiche alla Alice In Chains, unite al gran gusto delle linee vocali, fanno di questo pezzo un piccolo gioiellino. Sitar e ritmi rilassati fanno da tema portante per “Summer (Seens So Easy)”. La song punta su scenari onirici scanditi dagli strumenti e dalla splendida interpretazione di Julia. La chicca è nel finale, dove si trasforma in uno strano ibrido tra grunge e The Beatles. “Sound Of Evil” è il primo singolo video con il feat di Pier Gonella. Introdotto dalla chitarra acustica, muta grazie ai cambi di tempo e di atmosfera, incuriosendo per le scelte ritmiche (di ottima fattura) e per le emozioni che riesce a trasmettere.

 

Si ritorna al rock di matrice anni ’90 sulla falsariga dei Nirvana (quelli più ipnotici e dissonanti) con “Come To An End”. Quello che stupisce è la capacità del trio di ispirarsi a sonorità già edite, ma nello stesso tempo di riuscire ad elaborarle in maniera personale. “Eros & Thantos” (scelta come secondo singolo) riassume alla perfezione la nostra affermazione. Questa ballad dal sapore oscuro mette in risalto l’ottimo lavoro di Ranza nello scrivere melodie ed armonie che si integrano con precisione alla voce di Julia. Il finale in crescendo, con l’entrata di Peso, va poi ad impreziosire il tutto grazie a quel pizzico di ritmo che dona quella scintilla di genialità. “The Rope” ha quell’incedere che va a pescare nel rock dei 70’s, mentre le percussioni di Peso sono il fiore all’occhiello di “Gardens”, canzone dove la dolcezza degli arrangiamenti e l’ugola di Julia raggiungono picchi di pathos elevatissimi. In chiusura troviamo il rock di “Down In The Net” e la bellissima “Bones”, che fa riemergere echi di Led Zeppelin contestualizzati in uno scenario moderno.

 

“The Will Of Evil” è un album maturo ed ispirato, scritto da musicisti competenti che non hanno paura di fare scelte importanti. L’amalgama che si è venuta a creare tra i tre si ripercuote in maniera decisiva sulla stesura dei pezzi, rendendo il cd compatto ed omogeneo. La diversità tra i vari pezzi che lo compongono, unita alla loro connotazione easy listening, rende “The Will Of Evil” fruibile ad un pubblico eterogeneo che non potrà che tributarne il successo.

 

Track List

01 River

02 Summer (Seems So Easy)

03 Sound Of Evil

04 Come To An End

05 Eros & Thanatos

06 The Rope

07 Gardens

08 Down In The Net

09 Bones

 

Line Up:

Giulia Moladori – Vocals

Marco “Peso” Pesenti – Drums

Emilio “Ranza” Ranzoni – Keyboards/Guitar/Sitar

Special Guest:

Pier Gonella – Guitar

 

 

Link:

facebook.com/Julia-and-The-Roofers

Facebook Comments
4