KREEK

Kreek

Frontiers Music

Release date: 12 febbraio 2021

 

 

Se si dovesse paragonare il valore dell’album in questione con una delle tante leggende d’epoca, la scelta andrebbe in direzione dell’Araba Fenice: il volatile mitologico che risorge dalle proprie ceneri e che in proposito fa da sponda al cantante Antony Ellis, risorto dalla polvere di note dei Bigfoot, sciolti dopo l’unico album pubblicato nel 2017, che si ripresenta con l’omonimo lavoro della sua nuova band chiamata Kreek, con una line-up completata dai chitarristi Nick Clarke e Dan Collict, dal bassista Lee Andrews e dal batterista Seb Sweet.

 

Genere che vince e convince non si cambia, va da sé che nel nome dei Bigfoot che furono, anche nelle vene dei Kreek scorre nobile hard rock che pulsa intensa adrenalina e imprescindibili melodie, nonché un connubio di corpose sonorità dove spiccano i sontuosi anni ’80 e ’90 che spaziano dagli Icon ai connazionali Little Angels, e che al tempo stesso strizzano l’occhio al rock britannico con deciso richiamo al lato blues degli Inglorious, come testimonia l’effervescente e accattivante singolo “Million Dollar Man” accompagnato da un video dove traspare il ritrovato entusiasmo di Ellis.

 

Sottolineati i sorprendenti tocchi metal che cavalcano le onde lussureggianti della teatrale “At The Bottom Of Hell”, e le suggestive emozioni led zeppeliane che avvolgono la smaliziata “Get Up”, si torna alle accurate radici hard rock, dalle quali viene estratto il meglio delle due celebri decadi a favore della tambureggiante “Missiles”, della suadente e blueseggiante “Stand Together”, e delle calzanti e avvincenti “Meet You Maker” e “Man On My Shoulder”. L’atmosfera darkeggiante di “One Voice”, il groove ruffiano di “Down ‘N Dirty” e l’anima blues della passionale ballad “On Your Own”, completano un giro di dieci tracce convincente con sonoro invito a un salutare bis.

 

Per una porta chiusa a una band, si è aperto un portone a beneficio di un recente progetto con in dote un sound costellato di hard rock battente, ricche melodie e sostanza vibrante, che suonano speranza e fiducia a favore del nuovo capitolo Kreek firmato Antony Ellis; perché se l’Araba Fenice simboleggia il potere della resilienza coltivando le risorse che tiene in sé, la musica, a sua volta, raffigura l’innata tenacia prosperando nuove idee per gli artisti che non smettono mai di credere nei propri sogni.

 

 

Tracklist

1. At The Bottom Of Hell

2. Missiles

3. Meet You Maker

4. Million Dollar Man

5. One Voice

6. Man On My Shoulder

7. Stand Together

8. Down ‘N Dirty

9. Get Up

10. On Your Own

 

Line up

Antony Ellis – Vocals

Nick Clarke – Guitar

Dan Collict – Lead & rhythm Guitar

Lee Andrews – Bass

Seb Sweet – Drums

 

 

Link

www.facebook.com/KreekUK

www.twitter.com/kreekuk

Facebook Comments
4