CONDIVIDI

Pubblicato il 24 Aprile 2017

L'energia del punk rock al femminile - Intervista alle PSYCHORDS: Le tre riot girls sono pronte a tornare con un nuovo album!

Le Psychords, punk rock band tutta al femminile di Milano, ci svelano le novità in arrivo con interessanti anteprime. Attraverso questa piacevole intervista facile intuire che le ragazze sanno bene cosa vogliono e come portare avanti il loro progetto, perchè sono cazzute! 

 

Intervista a cura di AngelDevil Rock

Ciao ragazze, benvenute a Rock Rebel Magazine. Iniziamo con le presentazioni. In quali circostanze vi siete conosciute?

Ciao! Il piacere è tutto nostro! Ci siamo incontrate grazie al desiderio comune di formare una rock band al femminile! E tramite un annuncio “Cerco musicisti” pubblicato su internet a fine 2011 da Violet, cantante e chitarrista, al quale ha risposto prima Gio Highlander (oggi basso e cori, all’epoca chitarra) e poi Claudia Lo (batteria).

Quindi diciamo che il trio di base si è formato fin dall’inizio ma ha subìto delle integrazioni e trasformazioni nel tempo, anche accogliendo dei ragazzi bassisti/chitarristi. Dopodiché, ormai circa 3 anni fa, è ritornato alla sua forma originaria di power trio, per portare avanti il progetto per cui era nato.

 

Lo scorso anno avete fatto delle esperienze importanti come suonare al “The Unicorn Camden Live” di Londra e al famoso “Rebellion Festival” a Blackpool (Manchester) tra le nuove proposte. Sono belle soddisfazioni, vero?! Al di là del risultato, cosa vi è rimasto?

Sì, è stata senz’altro una soddisfazione immensa! Gli occhi ci brillano ancora oggi al pensiero. Ma la cosa che ti rimane nel cuore è il pubblico: stanno tutti lì a un centimetro ad ascoltarti attentamente per tutto il concerto, ad ammirare ogni mossa pronti a scattare la foto del secolo... e cantano con te! Cantano i tuoi pezzi! A differenza di quello che abbiamo potuto constatare suonando nei locali dalle nostre parti, in UK il pubblico ci tiene molto a sostenere le band emergenti. Questo inaspettato sostegno ti lascia percepire che, come band hai un potenziale, piaci! Il tutto condito dai post-concerto con la fila al banchetto del merch, dove numerosità di vendite, autografi e foto con i fan ci hanno fatto sentire come delle vere rockstar… peccato che “poi - cit. Highlander - torni a casa e sei di nuovo quella di prima...”

Quindi sì, quello che ci è rimasto è anche sicuramente la voglia di tornare e dare e avere di nuovo quelle emozioni che si stabiliscono tra la band e il suo pubblico che la sta attendendo! E ormai mancano poche settimane al nostro ritorno al Rebellion il prossimo 4 agosto!

 

Cosa vi piace di più del vostro sound o comunque qual è la cosa di cui andate più fiere del vostro progetto?

Questa è difficile... ci sono tante cose delle quali siamo fiere. Innanzitutto di aver fatto il nostro percorso da sole, senza l’aiuto di nessuno e relativamente in poco tempo. Cerchiamo sempre di arrangiarci da sole e stiamo provando, con il nostro sound inaspettato e la nostra presenza sul palco, a sfondare questa muraglia di band tutte al maschile che domina il panorama musicale italiano. 

Non è semplice, considerando che le risorse da investire, in termini soprattutto di energie da dedicare, tempo a disposizione e risorse economiche sono spesso più elevate di quelle disponibili… e vi chiederete allora chi ce lo fa fare!? Ecco, questa potrebbe essere una delle cose di cui andiamo più fiere: siamo riuscite a dare alla band una vita propria, che sovrasta e indirizza le nostre singole per autoperpetuarsi contro ogni minaccia. E la sentiamo crescere, e sappiamo che è merito nostro.

 

Parliamo un po' di novità. Presto uscirà un nuovo singolo e video dal titolo “Save My Sanity”. Mi volete parlare di questo brano e del video? Qual è il messaggio che volete lanciare?

“Save my Sanity” è il singolo che dà il nome al nuovo album, e vuole esserne anche il messaggio principale: è un grido, è una scossa, è uno schiaffo in pieno viso ai "valori" e canoni che vengono inculcati nelle menti delle nuove generazioni, che vengono imposti in molte situazioni della vita.  E sono pesanti, ridicoli. Ci siamo sentite in dovere di agire, di provare a risvegliare quel qualcosa che ormai è sepolto in fondo ai cuori... la libertà di essere sé stessi!

Nel video ci siamo divertite a impersonare questi tre personaggi ridicoli frutto dell'esasperazione di questi “valori” effimeri: l’“ereditiera”, attaccata ai soldi che possono aprirle qualunque porta; la “rifatta”, schiava della bellezza a cui può accedere solo tramite l’accanimento chirurgico; la “popolare”, per cui l’apparenza sui social vale più dell’adeguatezza alla vita vera.

E abbiamo immaginato un decadimento di queste figure perché la vita è una ruota e prima o poi gira per tutti, anche se tenti di remarle contro.

Poi c’è un secondo importante messaggio che ci preme passare, questo soprattutto alle ragazze: sconsigliamo altamente l'uso di unghie finte, perché non è vero che basta un rapido ammollo in acqua calda o del solvente per toglierle, come millantano nei tutorial su internet! Dopo il video ci sono volute oltre 2 ore e infinite imprecazioni per toglierle senza l’intervento di un boscaiolo adeguatamente munito di ascia!

 

State anche lavorando al nuovo attesissimo album negli studi di Larsen Premoli. Cosa potete anticiparci?

Si, siamo in fase di costruzione del nostro nuovo lavoro! Abbiamo fatto molta strada dal precedente EP, quindi diciamo che il nuovo album sarà il frutto di tutti i gradini che abbiamo salito per arrivare ad oggi. Ci saranno brani in stile punk puro e brani in evoluzione... insomma, in pieno stile Psychords! Di certo saranno pezzi da ascoltare in macchina a bomba!!

 

Che cosa significa per voi suonare?

Per noi suonare significa principalmente libertà: libertà di esprimerci e dire la nostra al mondo, libertà di toglierci i pesi dalle spalle e di fare ciò che amiamo, che trova poi la sua catarsi nello stare sul palco! Se volessimo parlare per allusioni non troppo sottili né troppo fini, ma sicuramente altrettanto ‘naturali’, potremmo dire che ci nutriamo fino a scoppiare di ciò che volenti o nolenti ci circonda, poi in fase compositiva lo digeriamo per bene, e infine quando suoniamo è il momento di tirare tutto fuori, sotto nuove forme. Di liberarci, appunto!

 

Come musiciste, quali sono le difficoltà in cui vi imbattete di sovente?

L’unica difficoltà effettiva è caricare in macchina la cassa del basso! Pesantissima!

A parte gli scherzi, in genere affrontiamo gli ostacoli ad ascia sguainata...ci sono stati pregiudizi, qualcuno che ha anche tentato di fregarci perché “siamo solo tre ragazze" ...diciamo che ogni tanto capita di assistere a fenomeni di maschilismo ma sono casi isolati che si autodistruggono appena iniziamo a suonare.

 

Che valore date al look? Credete sia importante per portare avanti un progetto musicale?

In Inghilterra amano il nostro look! "As only Italians can do!"

Molti musicisti nella storia hanno basato la loro carriera sull'immagine... da Madonna a David Bowie ai Kiss, quindi può essere sicuramente un elemento di differenziazione. Ma crediamo anche che il look sia un'ulteriore espressione della personalità dell'artista. Dal canto nostro, senza neppure prefiggercelo come obiettivo, abbiamo cercato di attualizzare un po' le classiche vesti punk rendendole più ‘nostre’... e poi il nero dominante, perché l'attenzione principale deve essere sulla musica! Sicuramente cerchiamo sempre di essere uniformi tra di noi per aumentare il senso di compattezza, ma il tutto avviene piuttosto ‘naturalmente’.

 

Nell'attesa che esca il nuovo singolo cosa vorreste dire ai nostri lettori e a chi vi segue già da tempo?

Innanzitutto grazie di cuore a chi ci ha seguito e sostenuto fino a qui, in Italia così come all’estero, anche in parti del mondo in cui non abbiamo ancora mai messo piede! Vi ripagheremo sempre con buona musica!

Il nuovo singolo è potente e arrabbiato e il video che lo lancia sarà divertente, casinaro e scatenato come noi! E questo non è che l'inizio!

 

Grazie ragazze e a presto!

Ciao e grazie a voi! Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook e sugli altri social per tutti gli aggiornamenti! Ci vediamo presto in tour!