CONDIVIDI

Pubblicato il 28 gennaio 2017

Live Report EMP Persistence Tour: Suicidal Tendencies, Agnostic Front, Municipal Waste, Walls of Jericho, Down To Nothing @ Live Club, Trezzo Sull'Adda (MI)- 26 gennaio 2017

Report a cura di Luca Casella

Foto di Silvia Belloni
Foto di Silvia Belloni

 

Arriva, per un unica data, il festival che dal 2005 porta in giro i migliori gruppi Hardcore-Punk del panorama mondiale, il PERSISTENCE TOUR. Sponsorizzato da EMP, sito internazionale di vendita merchandising rock e metal, torna con  una line-up di grande impatto con gruppi che hanno fatto la storia del genere (come in tutte le edizioni) dalla costa est degli Stati Unici alla Ovest per passare dall’Europa ed oltre.

 

A rappresentare la California quest’anno ci sono i Suicidal Tendencies con il loro Crossover/hardcore, per New York ci sono gli Agnostic Front stoici e storici portavoce del puro new york hardcore e poi nomi non meno importanti come Walls Of Jericho e Municipal Waste ed il loroTrash-Metal  per arrivare agli interessanti Down To Nothing, straight edge band dalla Virginia; a completare la line-up ufficiale i Burn, altra bend della new york hardcore ed i californiani Mizery. Insomma, una buona occasione per farsi del male con del buon pogo.

 

La location scelta per questa tappa è il bel Live Club di Trezzo dove si vede e si sente bene da ogni angolo del locale. L’inizio in tardo pomeriggio e la data infrasettimanale, purtroppo, mi costringono a perdere i primi gruppi che calpestano il palco, arrivo al locale giusto in tempo per le ultime quattro canzoni dei DOWN TO NOTHING. Il Live di Trezzo è già bello pieno. Mi posiziono alla transenna in prima fila dove si radunano i fotografi accreditati e mi godo la fine dello spazio dedicato alla band di Richmond, hardcore classico, piacevole, quasi “commerciale” ma suonato molto bene; non mi deludono, li aspettavo da tempo avendoli apprezzati su CD, dal vivo confermano di essere un buon gruppo, bravi. Mi spiace aver perso i BURN ed i MIZERY, sarà per il prossimo giro.

 

Cambio palco e arrivano gli WALLS OF JERICHO, capitanati da quella “donnina” di Candace, un concentrato di forza ed energia. Li avevo già visti un paio di volte ma sempre distrattamente senza “sentirli” veramente, la posizione privilegiata e l’assenza di distrazioni mi dà la possibilità di apprezzarli appieno. Un muro di suoni, una potenza, mi sorprendono, il loro Metalcore è trascinante. La cantante è un folletto che salta ed incita la folla, voce importante senza sbavature, strepitosi. Intanto siamo arrivati al sold-out, tutto pieno, gente arrampicata ovunque, carica e che dà il suo bel da fare alla sicurezza.

 

Passiamo a quei "tamarri" di MUNICIPAL WASTE sempre da Richmond, Virginia, con il loro Trash-Metal ci sollazzano nel tempo a loro concesso (è la prima volta che li vedo Live). Simpatici, bravi e divertono, musicalmente validi; ascolto ed apprezzo.

 

La sicurezza usa la mano pesante con chi vuole esagerare con il pogo, troppo pesante, è sempre un concerto punk-hardcore, se non ti fai male, che gusto c’è!

 

Pausa cambio palco per gli ultimi due gruppi in scaletta, si comincia con la costa Est degli Stati Uniti e salutiamo l’arrivo sul palco dei veterani AGNOSTIC FRONT, ho perso il conto delle volte che li ho visti live, sempre una certezza, anche se Roger Miret non ha più la voce di un tempo ed i cori del pubblico aiutano nella performance canora del nostro amico. Scaletta che ripercorre, se pur nel tempo limitato a loro disposizione, sia il vecchio che il nuovo percorso del gruppo newyorchese. Si canta in coro i loro inni da “My Life My Way” a “For My Family” dalla recente “Old New York” a “Gotta Go” per finire con la cover dei Ramones “Blitzkrieg Bop”, sempre un piacere.

 

Bene, vedo i fotografi provati dall’ansia di ricevere qualcuno sulla testa dalle prime file e sono felici che il prossimo è l’ultima band della serata.

 

Dalla California più Multietnica arrivano i SUICIDAL TENDENCIES, storico gruppo Hardcore, molto legato al mondo dello Skateboard. Ammetto con mia colpa che è la prima volta che li vedo dal vivo, li conosco da sempre ma non ho mai avuto l’occasione ed il piacere di ascoltarli live. Dire che mi hanno entusiasmato è poco, estasiato direi. Gli anni non sembrano essere passati, Mike Muir corre, salta, canta come se avesse 20 anni. Per questo tour hanno l’onore di avere alla batteria un certo Dave Lombardo, avete presente gli Slayer? ecco. Sezione ritmica da paura, Ra Diaz al basso cinque corde è una macchina da guerra, riff incredibili mentre non resta fermo un secondo e sorride in continuazione. Non conosco tutta la loro discografia ma “War Inside My Head” la canto a squarciagola. Non perdono un colpo sono stratosferici, asfaltano tutti. Circle pit come se piovesse, stage diving paurosi e pericolosi, viene chiamato il wall of death, Mike chiede di spiegare, in Italiano, al pubblico come farlo al mio vecchio amico Lorenzo che cura la “Street-Arm” ( merchandise) per i Suicidal ( un piacere averti re-incontrato caro Amico N.d.A.). Quando arriva il momento di “Possessed To Skate”, Mike, chiama tutti sul palco per la gioia dei presenti, tutti su finché c’è posto (vedi video qui sotto), è una splendida visione, questo è l’Hardcore che amo, questo è un concerto! Si prosegue con “I Saw Your Mommy” sempre con il palco stracolmo, cantiamo in coro, perdo la voce. Liberato il palco il gruppo ritorna a deliziarci con il loro suono sublime suonando “Cyco Style” e dopo poche song ancora tutti sul palco, me compreso ad intonare l’ultimo pezzo che chiude questo splendido concerto. Da brividi.. come cantano gli Agnostic Front "questa è la mia vita, questa è la mia strada” non ne vedo altre.

 

Vedere ragazzini insieme a “ragazzi” di cinquant’anni pogare uniti da una stessa passione è grandioso.  Ringrazio tutti, Rock Rebel Magazine per l’opportunità di scrivere questo articolo, l’ospitalità del Live Club, gli organizzatori (HUB) che ci hanno regalato una serata indimenticabile, gli Amici incontrati giù e sul palco; infine saluto il “ragazzo” che per diversi minuti ha continuato a ripetermi “devo buttarmi dal palco, devo buttarmi dal palco…” , spero che tu ci sia riuscito, ma da come eri messo la vedo dura.

 

 

GUARDA LE FOTO DI TUTTE LE BAND NELLA GALLERY. CLICCA QUI

Possessed to skate Suicidal Tendencies #live #concert #punkhardcore #suicidaltendencies

Un video pubblicato da Black Utah 66 (@blackutah66) in data: