CONDIVIDI

VOODOO GLOW SKULLS

 

Bloom di Mezzago – 7 dicembre 2011

 

Report e foto a cura di Luca Casella

 

 

In una insolito tiepido inizio Dicembre, dopo aver raccolto i nostri compagni di viaggio, ci dirigiamo al Bloom di Mezzago per la tappa Brianzola del tour dei Californiani VOODOO GLOW SKULLS, gruppo capitanato dai fratelli Casillias che, già dal cognome, inspirano simpatia...Nati nel 1988 come band da feste collegiali arrivano al successo nel 1993 con il loro album di debutto per poi firmare con la lungimirante Epitaph Records passando alla Victory Records arrivando ad incidere una decina di album. Musicalmente ispirati dai ritmi Giamaicani portano in giro uno Ska-Core o Ska-Punk, che dir si voglia, bello tirato completo di sezione fiati, nella nostra serata, composta da tromba e trombone, cantato in Inglese con qualche testo in lingua Spagnola. Arriviamo prima dell'inizio della band di supporto ed abbiamo il tempo di farci un giro nella fornita libreria annessa al locale. Tempo di salutare qualche amico e salgono sul palco i CANTINARO un giovane gruppo, mi fanno sapere, dalla provincia di lecco che ci propone uno Ska classico cantato in Italiano con testi contro il sistema ed a favore delle categorie più penalizzate di questa società. Simpatici, ma, anche se il genere mi piace e non poco, dopo qualche canzone comincio a perdere la concentrazione, a loro disposizione un' ora e poco più.

Cambio di palco e tappa al Bar dai prezzi onesti. Il locale registra circa duecento presenze per cui un buon folto pubblico pronto alle danze. Musichetta di avvio e si parte, Frank Casillias si presenta al microfono con la tipica maschera da lottatore di lotta messicana simile al Wrestling chiamata Lucha Libre ( Vi consiglio il film "Super Nacho" con Jack Black per capire di cosa si tratta N.d.A. ). Subito sotto il palco si inizia a pogare a ritmo del frenetico suono che i VGS ci regalano, veloci, potenti, ormai collaudati da anni di live in giro per il mondo non hanno perso smalto e vanno dritti una canzone dopo l'altra con pochi fronzoli o chiacchiere, bravi. Scaletta che attraversa il meglio della loro produzione da Left For Dead a Bulletproff da Human Pinata all'immancabile Charlie Brown fino ad una nuova canzone che non mi convince molto eseguita verso la fine prima del Bis. 

 

Botte da orbi ai piedi della band che non si risparmia e ringrazia i presenti storpiando il nome del paese che ci ospita da Mezzago in Megazzo, nessuno se ne accorge ma l'errore e dato dal fatto che anche sulla maglietta in vendita al banchetto con le date del tout Europeo, stampate sul retro, è scritto sbagliato!! Chi l'ha comprata se la tenga stretta perchè è una chicca! Si arriva la Bis con tre songs che purtroppo non contemplano la mia preferita e cioè "We Represent", dalla scaletta manca anche "Delinquent Song". Poco male, siamo tutti contenti ed appagati. Si è fatto decisamente tardi per cui con la mia dolce Metà, le spille in tasca, Corrado e la sua compagna Ale ci avviamo all'uscita. Grazie alla Hard-Staff per l'ospitalità e diamo appuntamento al locale per i molti live che sicuramente andremo a vedere tra le sue mura.