CONDIVIDI

Pubblicato il 22 novembre 2016

METALLICA: "Hardwire...To Self-Destruct è migliore di quanto credessi", parola di Lars Ulrich

"Hardwired… To Self-Destruct", il nuovo album dei Metallica è uscito lo scorso 18 novembre e, al contrario delle presupposizioni, in pochissimi giorni ha raccolto tantissimi consensi positivi da parte della stampa internazionale, soddisfando le altissime aspettative della loro fanbase.

 

Intervistato recentemente da So What!, il batterista Lars Ulrich avrebbe fornito un suo punto di vista in merito all'accoglienza ricevuta per questo album, dichiarando quanto segue:

 

"Senza sembrare troppo smielato, dico che, ovviamente, come artista gradiresti che le persone avessero una sorta di reazione positiva a qualsiasi cosa tu condivida con loro. A volte il tuo istinto ti dice che sei sulla giusta strada. Credo che tutti noi sperassimo che il primo brano estratto, "Hardwired", suscitasse qualche tipo di reazione, non penso che nessuno di noi si aspettasse un responso così positivo a livello universale. Credo che la parola "sollievo" non sia la prima cosa che mi viene in mente quando penso a ciò che mi passa per la testa. Sto iniziando a prendere le distanze da questo disco. Credo che più si invecchi, più non sia così facile, qualsiasi cosa tu stia facendo, che si tratti di suonare musica o camminare su una rampa di scale o cercare di capire che cosa preparerai per cena o qualunque altra cosa. Non diventa più facile, diventa più difficile. Nelle ultime settimane, vedendo il distacco che sto avendo da questo disco, credo di essere consapevole che l'album sia migliore di quanto credessi, o di quanto prevedessi o sperassi. Quindi sono una sorta di - non so - ogni volta che ascolto una parte del disco mi dico: "A dire il vero, questo è fottutamente buono", per cui "sollievo" non è solo una parola. Credo di essere piacevolmente sorpreso, poiché se c'è una cosa che ho imparato è che perdi il controllo sul processo. Vero? Ti lasci andare così tanto sul processo che si perde la capacità di raccontare veramente cosa sta succedendo. E a volte durante il processo, è possibile perdersi o diventare deliranti o mal interpretare qualsiasi altra cosa, e di nuovo, facendo riferimento a quanto detto prima, diventa più difficile.

Registrare un disco a casa non è particolarmente facile come produrre un album fuori casa. Voglio dire, vai a Los Angeles, poi parti per la Danimarca, finisci da qualche altra parte ed è tutto ciò che hai; non hai altro che passare 12 ore al giorno in uno studio di registrazione. Componi un disco a casa e la vita prosegue, con i figli e le responsabilità famigliari e tutto il resto. Potresti avere discussioni (se guardi con un occhio neutrale) e noi saremmo probabilmente meno concentrati sul disco per un certo periodo di tempo, includendo gli shows AT&T e il Record Store Day, e ancora il Reading Festival, il Lollapaloozas e tutto il resto. Ci sono state un sacco di cose che sono arrivate, e a volte non è così facile sapere cosa sta succedendo. Allo stesso tempo però ho avuto questo pensiero in testa che mi ha portato a pensare: "Non farti prendere in giro solo perchè ti sembra buono o perchè stai componendo musica, o perché tu e James Hetfield, o ancora tu e Greg Fidelman, il produttore, andate d'accordo sul fatto che la musica sia buona. È stato un giudizio giornaliero. "È  buono? È grandioso? Potrebbe essere meglio di cosi? Può questo...? Questo dovrebbe andare là?" e tutti questi pensieri. Tutto questo è andato avanti fino a qualche settimana fa fin quando il disco non era completato. L'ho ascoltato tre volte, forse quattro. Due settimane fa io e Jess, mia moglie, siamo saliti in macchina e abbiamo guidato verso nord, a Healdsburg, abbiamo ascoltato circa 3/4 del disco, ci siamo recati in un posto, bevuto un paio di drink e siamo tornati indietro. Al ritorno ha guidato lei, guidava entro i limiti legati imposti dalla California e ha ascoltato le ultime due o tre tracce presenti nel disco e ha affermato che il materiale era abbastanza buono".

 

 

Leggi la recensione di "Hardwired… To Self-Destruct"