CONDIVIDI

Pubblicato il 7 Novembre 2016

Recensione BAD BONES - "Demolition Derby"

TOP ALBUM
TOP ALBUM

BAD BONES

Demolition Derby

Madhouse Music

Release Date: 7 Novembre 2016

 

 

Con ormai dieci anni di onorata carriera alle spalle i Bad Bones si apprestano a presentare “Demolition Derby”, quarto album in studio per la band piemontese che rimane una delle più influenti della scena Hard & Heavy italiana. Il motto di questo gruppo nel corso degli anni è stato quello di ricreare fedelmente le sonorità degli anni ’80 ispirandosi a band del calibro di Motorhead e ZZ Top, tralasciando quindi l’inserimento di innovazioni musicali che vanno più di moda in questi ultimi tempi; scordatevi parti elettroniche o quant’altro, potenti schitarrate e voce altisonante sono le principali caratteristiche che danno forza ed espressione alla loro creatura sonora.

 

E “Demolition Derby” non poteva far altro che rispecchiare l’anima del quartetto che propone come prima traccia “Me AgainstMyself”, ed è subito Rock ‘N Roll: pochi compromessi testa bassa schitarraTe e via! I riff impostati sono decisi e graffianti, lasciando poco spazio ad altre interpretazioni se non quelle di agitarsi in attesa della magnifica voce di Max che è in grado di spiazzare chiunque toccando apici canori assurdi! I nostri lasciano però spazio anche a delle influenze blues e, come si può capire facilmente dal titolo, “Some Kind Of Blues”, questo elemento diventa il principale trattato nella canzone, riff più tranquilli ma magnetici e una voce profonda e calda fanno da cornice ad un contesto più da ballad che potrà cullare l’ascoltatore con dolcezza e serenità, senza dimenticare l’importanza del basso che viene chiamato in causa con un ruolo da protagonista e rispondendo presente a tutti gli effetti. Di tutt’altra pasta è “RustyBroken Song” dove un ingresso rapido ed incisivo della parte strumentale prepara il terreno ad un poderoso urlo della voce in un continuo incedere ritmato e potente, una canzone in puro Rock ‘N Roll! La capacità della band di alternare momenti come questo appena descritto ad alcuni più morbidi come la toccante “RedSun” per poi subito accelerare con “Perfect Alibi” in un continuo sali e scendi di emozioni ed intensità, è notevole. E dal sound più morbido agonismo puro nel finale con le ultime tre tracce, soprattutto con la, a dir poco granitica, “ShootYou Down (ElMariachi)”.

 

I Bad Bones sono partiti con un idea ben precisa riguardo la loro musica e la stanno portando avanti con incredibile coerenza e trasparenza, riuscendo fra le altre cose ad ottenere la nomea di band Hard &Heavy per eccellenza a livello nazionale. Da qualche tempo andavano in cerca della definitiva consacrazione dopo aver ricevuto notevoli consensi non solo nel Nostro Paese ma anche all’estero, e questo “Demolition Derby” può essere la definitiva prova che la band ci sappia davvero fare e potrebbe essere un punto di riferimento costante e duraturo nella scena hard rock metal italiana ed internazionale. La riffage sempre decisa e tagliente, gli assoli estasianti di chitarra, il basso che corre veloce nel sottofondo boschivo della loro musica, una batteria che batte il tempo senza mai invadere ed una voce a dir poco splendida ed incisiva, sono elementi che non possono far altro che portare la band in questa direzione. Top Album!

 

 

Recensione di Matteo Pasini

 

 

 

Tracklist:

1.       Me Against Myself

2.       Endless Road

3.       Some Kind Of Blues

4.       Stronger

5.       Rambling Heart

6.       Red Sun

7.       Perfect Alibi

8.       Shoot You Down (El Mariachi)

9.       The Race

10.   Demolition Derby

 

Line Up:

Max Bone - voce

SerJoe Bone - Chitarra e Seconda Voce

Steve Bone - Basso e Seconda Voce

Lele Bone - Batteria

 

Link Utili:

badbonesband.blogspot.it

www.facebook.com/badbonesband

www.instagram.com/badbonesband