CONDIVIDI

Recensione STRYPER - "Fallen"

STRYPER

Fallen

Frontiers Music Srl

Release Date: 16 ottobre 2015



Prosegue a gonfie vele la seconda vita artistica degli alfieri del Christian Metal. Dopo il buon “Reborn” datato 2005 e fino al penultimo studio album “No Morer Hell To Pay”, la band dei fratelli Sweet ha inanellato un filotto di grandissimi lavori. Non è da meno quest'ultimo “Fallen”, che certamente bisserà il successo dei suoi predecessori.



La prima cosa che balza subito all'orecchio da questo nuovo lavoro degli STRYPER è l'indurimento del suono, che sfocia in un heavy metal roccioso, dove i riff di chitarra di Oz Fox, pesanti e taglienti, uniti alle classiche armonie vocali disegnate da Michael Sweet, ti inchiodano al muro togliendo il fiato, tanta è la potenza proferita. I primi tre pezzi (“Yahweh”, “Fallen” e “Pride”) sono devastanti con il loro incedere Metal anni 80. La voce di Michael è dura, cattiva ma assolutamente ammagliante, così come gli assolo di Oz. Il mid tempo “Big Screen Lies” ha una carica distruttiva con un ritornello che ti si pianta in mente al primo ascolto, mentre le successive “Heaven” (più ritmata) e “Love You Like I Do” (grazie alle sue linee vocali) ci riportano sulle sonorità di album come “To Hell With The Devil” o “In God We Trust”. Insomma, ce n'è per tutti i gusti, come la splendida ballad “All Over Again” o la cover di “After Forever” dei Black Sabbath (che di primo acchito potrebbe sembrare blasfemia, ma ascoltando il testo ci si rende conto che il tema è calzante). Il resto dell'album si mantiene su standard qualitativi altissimi, con una “Till I Get What I Need” da puro headbanging, una pesantissima “Let There Be Light”, la perla “The Calling” (assolutamente trascinante) e la conclusiva “King Of Kings”.


Non ci sono dubbi: gli Styper hanno sfornato un album che non sfigura affatto con il loro passato, in più la scelta di indurire il suono giova sicuramente al prodotto finito, rendendolo al passo con i tempi senza dimenticare il loro background musicale. Non vediamo l'ora di poterli rivedere dal vivo innalzando insieme a loro gli inni al Signore!



Fabrizio Tasso


Tracklist

1. Yahweh

2. Fallen

3. Pride

4. Big Screen Lies

5. Heaven

6. Love You Like I Do

7. All Over Again

8. After Forever

9. Till I Get What I Need

10. Let There Be Light

11. The Calling

12. King Of Kings


Line Up

Michael Sweet – voce/chitarra

Robert Sweet – batteria

Oz Fox – chitarra

Tim Gaines – basso


Link:

www.stryper.com

www.facebook.com/Stryper