CONDIVIDI

Live Report IN FLAMES @ Teatro Dal Verme, Milano – 27Marzo 2017

Report a cura di Matteo Pasini

“Che ci fanno gli In Flames a teatro?!”. Questa domanda sorge piuttosto spontanea visto l’imprinting musicale della band svedese ma che allo stesso tempo fa scaturire la curiosità per quel che i ragazzi di  Göteborg combineranno in questa data milanese.

 

La location prescelta è quella del Teatro Dal Verme di Milano. Fin da subito si palesa una situazione alquanto particolare: il palco è allestito come un salotto di casa con tanto di frigorifero pieno raso di birre! Poco dopo le 21.00 entra in scena un quartetto d’archi che intona svariati melodie interamente strumentali e che tengono incollati a propri seggiolini i presenti in sala. Il legame che si crea fra i musicisti ed il pubblico è di totale rispetto: un silenzio reverenziale accompagna la performance dei quattro, interrotto solo da qualche breve ed ammirato applauso. È quindi la volta della band che sale sul palco con gli strumenti elettrici e che è accompagnata da ovazioni di ogni genere. Quando attaccano con “Alias” la gente balza in piedi all’unisono e abbandona i seggiolini al proprio destino cantando ed agitandosi come in un palazzetto qualsiasi dimenticandosi totalmente del luogo nel quale si trovano! Quindi nonostante i nostri si trovano in un teatro utilizzeranno lo stesso l’elettrico? Questo avviene per le prime tracce, fra le quali “Before I Fall”. Poi cala un silenzio quasi surreale e il frontman Anders prende contatto con il pubblico spiegando che si trova di fronte ad uno show diverso da quello a cui è abituato. Mostra grandi doti di cabarettista facendo battute di ogni sorte e coinvolgendo alcuni membri del pubblico! Questi vengono fatti accomodare sul divanetto che fa parte dell’allestimento scenico e gli viene perfino offerta della birra! Insolito ed alquanto esilarante! Dopo questa simpatica “interruzione” è ora di riprendere a fare musica.

 

Una base e due chitarre acustiche accompagnano la voce in pezzi come “In My Room” e “Hurt” (cover dei Nine InchNails). Durante queste esibizioni gli altri componenti della band se ne stavano comodamente seduti a bere birra e a seguire lo spettacolo! Ecco la diversità che era stata preannunciata dallo stesso cantante e che rientra più nei canoni della location nella quale si stanno esibendo. Proseguono poi con alcune canzoni, sempre in acustico, ma che richiedono l’accompagnamento degli archi che si erano visti ad inizio show. Il calore che queste strumentazioni riescono a tramettere lasciano senza fiato il pubblico che non può far altro che ammirare l’esperimento della band svedese di convogliare in un solo punto stili musicali apparentemente diversi ma che insieme creano un sound perfetto! L’ovazione giunge quando i nostri eseguono “Come Clarity”! Ci si sta avviando verso la conclusione della serata e questa non poteva che essere affidata al reparto elettrico con una sequenza di canzoni non-stop fra le quali “CloudConnected” e “The End”. L’ultimissima traccia proposta racchiude in pieno tutto quello che gli In Flames hanno voluto portare sul palco: con “Wallflower” la “classica” strumentazione della band viene accompagnata dal quartetto d’archi esprimendo un tripudio di suoni ed atmosfere e dando un senso di totale pienezza all’udito della platea!

 

Un concerto particolare, senza dubbio stravagante per i modi e le modalità proposte ma che riesce a catturare l’attenzione del pubblico in ogni istante, sia nella parte acustica che in quella elettrica ed anche in quella cabarettistica! Agli In Flames va dato il merito di aver “osato” e di aver provato a fare qualcosa di totalmente diverso da quelli che sono gli standard di un classico concerto metal. Gli applausi sono più che meritati!

 

 

Set list:

1.       Alias

2.       Before I Fall

3.       All for Me

4.       Moonshield

5.       The Jester's Dance

6.       Only for the Weak

7.       Like Sand

8.       In My Room

9.       Hurt

10.   ThroughOblivion

11.   Dawn of a New Day

12.   Come Clarity

13.   The Truth

14.   Paralyzed

15.   CloudConnected

16.   The QuietPlace

17.   The End

18.   Wallflower