CONDIVIDI

Recensione ADRENALINE RUSH - "Soul Survivor"

ADRENALINE RUSH

Soul Survivor

Frontiers Music s.r.l.

Release date: 21 Aprile 2017

 

 

 

Secondo album per la band nordica degli Adrenaline Rush dopo l’esordio del 2014. La Svezia non si smentisce in quanto culla di quel hard rock robusto, energico ma anche maledettamente melodico e la band della procace Tave Wanning con questo “Soul Survivor” fa tutto per confermarlo.

 

Rispetto all’esordio il riffing di Sam Soderlindh e Alexander Hagman è più incisivo, più roccioso e non può che beneficiarne l’album tutto. Ne sono un esempio lampante l’iniziale “Adrenalin”, ma ancor di più “My Life”, capace di  smuovere anche il più restio tra i defender. L’atmosfera di “Sinner 2”, l’approccio dal suono quasi pop di “Break the Chains”, la cavalcata folgorante di “Wild Side”. Insomma, i pezzi ci sono tutti, musicalmente è un grande passo avanti rispetto all’esordio, ma resta un grosso punto interrogativo.

 

Tave Wanning è bella, bellissima, non è un caso che sia lei a fare capolino sulla cover di entrambi i full lenght della band e non si può certo dire che non sia intonata, anche se la tecnologia moderna sarebbe capace di veri e propri miracoli. Il punto è che la sua voce non è propriamente all’altezza delle capacità dei suoi compagni di viaggio, non ha quell'ugola rock che sarebbe più consona a certe sonorità. Prendiamo ad esempio la finale “Crash” con il suo coinvolgente refrain di sabbathiana memoria, il cantato ricorda quello di Britney Spears o Jessica Simpson, per carità, due artiste che hanno fatto la fortuna del pop adolescenziale degli anni '90, ma non propriamente due voci meritevoli di restare nella memoria ed è questo quello che dà da pensare.

 

Non ci sentiamo di stroncare gli Adrenaline Rush e prossimamente avremo modo di saggiarne le qualità in sede live all’imminente Frontiers Rock Festival, dove cadranno tutti i veli e si spera anche i dubbi che la bionda cantante ha lasciato in chi vi scrive. L’album musicalmente è parecchio accattivante, come pure fisicamente la cantante, non si può dire lo stesso per la sua performance dietro al microfono, è per questo che il voto finale non può essere buono. Non si sa dove potranno arrivare gli Adrenaline Rush, ma gli si augura comunque di conseguire gli obiettivi che si sono prefissati. Peccato.

 

Recensione a cura di Emiliano Vallarino

 

Tracklist:

01. Adrenalin

02. Love is Like Poison

03. Breaking the Chains

04. Soul Survivor

05. Stand my Ground

06. My Life

07. Break the Silence

08. Sinner 2

09. Shock Me

10. Wilde Side

11. Don’t Wake Me Up

12. Crash

 

Line up:

Tave Wanning (voce)

Sam Soderlindh (chitarra)

Alexander Hagman (chitarra)

Joel Fox (basso)

Marcus Johansson (batteria)

 

Link:

www.adrenalinerush.se

www.facebook.com/adrenalinerushofficial