CONDIVIDI

Recensione BLUR - The Magic Whip

BLUR

The Magic Whip

Parlophone Records

Release Date: 28 Aprile 2015




Dopo sedici anni privi di un vero e proprio progetto discografico associato al nome dei Blur, è uscito l’ottavo album in studio della band inglese, "The Magic Whip". L’impulso nasce da un fortuito (e fortunato!) soggiorno a Hong Kong durato cinque giorni, durante i quali i musicisti si trovano a passare il tempo in una piccola sala degli Avon Studios, senza alcuna aspettativa e immersi in un caldo soffocante, come ha raccontato Damon Albarn alla BBC Radio 6 music lo scorso 19 febbraio. La creatività fa il resto: il chitarrista Graham Coxon si lancia in una collaborazione stretta con il produttore Stephen Street per mettere mano alle tracce registrate e Albarn aggiunge testi ricchi di tutte le suggestioni orientali delle quali il disco si fa testimone, a partire dalla stessa copertina (curata dall’art director Tony Hung). Da questa chimica viene fuori un prodotto intrigante e sfaccettato, che fa tesoro delle varie divagazioni soliste dei singoli componenti del gruppo e le riconduce alle particolarità che segnano lo stile inconfondibile dei Blur.


L’album si apre con "Lonesome street", in cui i rumori della città preparano a un pezzo di chiaro sapore “brit rock” con delle punte di forte tensione melodica, affidata alla voce malinconica e inconfondibile di Albarn. In generale nel disco si percepisce l’alternarsi di tracce fatte di suoni pieni, come la grintosa "I Broadcast", e atmosfere più ovattate, quali "Go out" o "Ice cream man", in cui imperversano suoni dell’elettronica. I ritmi si dilatano in "My Terracotta heart2, ballad evocativa e sofferta o assumono le cadenze di una marcia inquietante in "There are too many of us".


Si coglie l’intera atmosfera asiatica, fatta di caos metropolitano e al contempo di ordine e discrezione, fino ai chiari riferimenti dei titoli "Pyongyang" e "Ong Ong". Che dire, i Blur sono tornati in grande stile!



Recensione di Vittoria Polacci



Tracklist:

Lonesome street

New world towers

Go out

Ice cream man

thought I was a spaceman

I broadcast

My terracotta heart

There are too many of us

Ghost ship

Pyongyang

Ong ong

Mirrorball

 

Link:

www.blur.co.uk

www.facebook.com/blur

twitter.com/blurofficial

instagram.com/blurofficial