CONDIVIDI

Recensione LYNCH MOB - Rebel


LYNCH MOB

Rebel

Frontiers Music srl

Release Date: 21 agosto 2015



Era l'inizio degli anni 90 quando, dopo l'ennesima lite, le strade di George Lynch e di Don Dokken si separarono dando origine ai Lynch Mob da una parte e al progetto solista di Don dall'altra. "Up From The Ashes" rimase con un sound fedele alla band madre, mentre "Wicked Sensation" spostò il tiro su lidi prettamente più sleazy salendo sul carrozzone della musica in voga al momento.


La premessa fondamentale alla quale bisogna tenere conto è che questo "Rebel", pur mantenendo la classica matrice Lynch Mob, è un album profondamente diverso. Rimangono le sue radici del passato ma l'influenza dei tempi odierni diventa parte integrante del loro sound. Lynch, da sempre grande virtuoso e compositore, anche questa volta conferisce le redini vocali al fido Oni Logan e per la sezione ritmica si affida all'eccezionale duo Jeff Pilson (già nei Dokken) e all'immenso Brian Tichy (Whitesnake, Billy Idol, Foreigner).


Quello che ne scaturisce è un album divertente dove diverse influenze vengono rielaborate con gran gusto lasciando l'ascoltatore libero di ricercare le fonti di ispirazione, a volte molto distanti tra loro. Esempi lampanti sono l'opener "Automatic Fix" per la pesantezza del sound, "Testify" con il suo incedere oscuro, "Jerry Roll" con la sua carica funky, il capolavoro "Kingdom Of Slaves" ( con la sua carica settantiana sembre direttamente scaturire da un album dei Black Country Communion) e la conclusiva "War" che strizza l'occhio ai The Cult.


"Rebel" risulta essere un cd eterogeneo suonato con classe, tecnica e ispirazione. In più ha il grande pregio di risultare mai ripetitivo. Se questo significa un nuovo entusiasmante inizio per i Lynch Mob solo il tempo potrà svelarlo. Nel frattempo rischiacciamo play e assaporiamo i riff e gli assolo del buon George.



Fabrizio Tasso



Tracklist

1. Automatic Fix

2. Between The Truth And A Lie

3. Testify

4. Sanctuary

5. Pine Tree Avenue

6. Jelly Roll

7. Dirty Money

8. The Hollow Queen

9. The Ledge

10. Kingdom Of Slaves

11. War


Line Up

Oni Logan – voce

George Lynch – chitarra

Brian Tichy – batteria

Jeff Pilson – basso


Link:

georgelynch.com/wordpress

www.facebook.com/LynchMobOfficial